Incontro Antimperialista di Solidarietà per la Democrazia e contro il Neoliberalismo

Per dibattere la necessaria articolazione tra i movimenti, le organizzazioni e i gruppi, i cui punti centrali di lotta sono lo scontro con l’imperialismo, il Capitolo Cuba dei Movimenti Sociali convoca all’Incontro Antimperialista di Solidarietà, per la Democrazia e contro il Neoliberalismo, dal 1 al 3 novembre nel Palazzo delle Convenzioni.

Il membro del Burò Politico del Partito Comunista di Cuba, Ulises Guilarte de Nacimiento, segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba, ha definito l’incontro “un esercizio d’ampia mobilitazione dell’opinione pubblica e degli interlocutori della sinistra mondiale e regionale, per sostenere la nostra Rivoluzione”.

«Cuba torna ad essere il punto d’incontro per coloro che difendono la pace, la solidarietà tra i popoli, la giustizia e la democrazia, sostenute in un vero potere delle masse progressiste», ha segnalato il dirigente cubano ed ha risaltato che l’incontro dovrà trasformare i suoi dibattiti e gli scambi in una piattaforma di denuncia concreta al brutale blocco  economico, commerciale e finanziario imposto in maniera unilaterale dal Governo degli USA.

Poi ha affermato che sarà un’opportunità per costruire e rinforzare l’unita delle forze in una continuità di lotta verso una trasformazione sistematica di fronte all’offensiva spiegata dal capitalismo, dal neocolonialismo, dal razzismo e altre forme di discriminazione.

Si rifletterà su come affrontare la guerra mediatica che hanno lanciato il neoliberalismo e l’imperialismo, sulle nostre strategie di comunicazione, con concetti creativi in modo d’inserire le informazioni.

Nell’incontro cinque commissioni di lavoro raccoglieranno opinioni e iniziative di fronte alla politica estera guerrafondaia della Casa Bianca, che scatena conflitti in tutte le aree geografiche del pianeta. Si realizzerà una Tribuna Aperta in un quartiere de L’Avana e una commissione di lavoro opererà nella Scuola  Latinoamericana di Medicina, sugli apporti solidali di Cuba alla formazione accademica dei giovani del mondo.

Si aspetta la rappresentazione di circa mille delegati di tutto il pianeta, assieme al Capitolo Cubano dei Movimenti Sociali, formato da organizzazioni del paese, come i Comitati di Difesa della Rivoluzione, l’Associazione Nazionale dei piccoli Agricoltori, la Federazione delle Donne Cubane, il Movimento Cubano per la pace e il Centro Martin Luther King.

Fonte