Blocco: gli USA annunciano nuove misure

Per restringere ulteriormente le esportazioni e le riesportazioni di beni verso Cuba.

Oggi l’Ufficio dell’Industria e Sicurezza (BIS) del Dipartimento del Tesoro USA ha annunciato nuove modifiche ai Regolamenti per l’Amministrazione delle Esportazioni (EAR), che mirano a restringere ulteriormente le esportazioni e le riesportazioni di beni verso Cuba.

Queste misure entreranno in vigore il 21 ottobre 2019. Le principali disposizioni sono le seguenti:

Si stabilisce una politica generale di rifiuto delle licenze per il noleggio di aereonavi ed aereolinee a compagnie aeree statali cubane.

Si stabilisce che le aeronavi e le imbarcazioni non possono beneficiare dell’eccezione di licenze se sono utilizzate in modalità charter da cittadini cubani o da uno Stato Patrocinatore del Terrorismo o se sono noleggiati da questi.

S’impone a Cuba la regola del 10%, consistente nel negare qualsiasi riesportazione a Cuba di articoli stranieri che contengano più del 10% di componenti USA. (Da quando Cuba è stata rimossa dalla Lista degli Stati Patrocinatori del Terrorismo si applicava, per Cuba, la regola del 25%).

Viene rivista l’Eccezione di Licenza “Supporto al Popolo Cubano” affinché non si possano realizzare determinate donazioni al governo di Cuba ed al Partito Comunista di Cuba.

Si elimina l’autorizzazione per l’esportazione di articoli promozionali che “generalmente beneficiano il governo di Cuba”.

L’esportazione di beni destinati a migliorare le infrastrutture delle telecomunicazioni è limitata a quelle che agevolano il “libero flusso di informazioni” tra il popolo cubano.

I pretesti per l’imposizione di nuove restrizioni si basano sulla presunta repressione del popolo cubano da parte del governo e sul suo sostegno al “regime” di Maduro in Venezuela.

Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez ha condannato nel suo account Twitter le nuove misure per incrementare il blocco:

Díaz-Canel: un altro atto inumano, crudele ed ingiusto contro Cuba

Dal suo account Twitter, il presidente cubano, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha denunciato le nuove misure per incrudire il blocco che gli USA hanno imposto contro Cuba. Ha inoltre segnalato che questa azione è un’espressione di impotenza, degrado morale e disprezzo dell’impero.