Bolivia, Evo Morales gode di un forte vantaggio, potrebbe vincere al primo turno

Print Friendly, PDF & Email

Secondo un sondaggio indipendente potrebbe vincere al primo turno. Il modello boliviano: dedollarizzazione, investimenti e ruolo guida dello Stato.

Morales ha il 43,2 percento, contro il 21,3 percento di Carlos Mesa e l’11,7 percento di Oscar Ortiz. Rispetto a un mese fa, le cifre mostrano un aumento del 4 percento per Morales e una diminuzione dello 0,7 percento per il candidato neoliberista Mesa.

Un sondaggio di opinione pubblicato dal canale televisivo privato boliviano UNITEL, mostra che il presidente socialista Evo Morales mantiene un enorme vantaggio contro il candidato di destra Carlos Mesa, in vista delle prossime elezioni del 20 ottobre. Il sondaggio ha anche mostrato che il sostegno a Morales è aumentato nell’ultimo mese, il che significa che se le elezioni dovessero tenersi oggi, Morales otterrebbe la vittoria già al primo turno.

UNITEL ha pubblicato i risultati del sondaggio lunedì sera. Morales ha il 43,2 percento, contro il 21,3 percento di Carlos Mesa e l’11,7 percento di Oscar Ortiz. Rispetto a un mese fa, le cifre mostrano un aumento del 4 percento per Morales e una diminuzione dello 0,7 percento per il candidato neoliberista Mesa.

Secondo la legge boliviana, ciò significherebbe che Morales vincerebbe al primo turno perché è necessario solo il 40 percento se il candidato al secondo posto è indietro di oltre 10 punti.

Il più grande vantaggio di Morales è nel dipartimento di La Paz, dove il sondaggio lo mostra vincente con il 56,1 per cento, contro solo il 18,2% di Carlos Mesa. Evo Morales e il suo partito “Movimento verso il socialismo” (MAS) dovrebbero vincere in 6 dei 9 dipartimenti del Paese. Le aree in cui Mesa è avanti sono i dipartimenti di Tarija, Beni e Chuquisaca.

Il sondaggio copre le aree urbane e rurali e ha un margine di errore del 2,1 per cento.

Tuttavia, diversi media internazionali hanno riferito di un sondaggio che dà a Morales un vantaggio di appena il 7%, nonostante il fatto che le autorità elettorali della Bolivia abbiano dichiarato illegale il sondaggio a causa di una serie di irregolarità, tra cui un margine di errore troppo grande per le linee guida ufficiali e la mancata segnalazione di chi ha finanziato il sondaggio.È probabile che un’economia vivace assicuri la popolarità di Morales. Il paese è l’economia in più rapida crescita nella regione, il governo afferma che ciò è dovuto al modello economico della Bolivia che ha respinto le misure neoliberiste e invece ha nazionalizzato le risorse naturali e le industrie strategiche, i cui profitti sono poi reinvestiti nell’economia.

Tuttavia, il malcontento persiste nelle regioni orientali più ricche e più bianche del paese. Sabato nella città di Santa Cruz, i mob appartenenti al “Cruceñista Youth Union” fascista hanno vandalizzato un quartier generale della campagna MAS e hanno attaccato una clinica sanitaria gratuita che si trovava nello stesso edificio.

Morales ha condannato le azioni affermando che la “violenza sponsorizzata da gruppi di destra minaccia la pace sociale necessaria per la democrazia. Gli atti di vandalismo degli aggressori della 21F sono un affronto alla solidarietà, al duro lavoro e allo spirito pacifico del popolo di Santa Cruz”.

I gruppi responsabili della violenza sono gli stessi gruppi che hanno ricevuto milioni di sovvenzioni dal governo degli Stati Uniti durante il colpo di Stato “media luna” nel 2008/9 quando hanno guidato i movimenti per l’autonomia e l’indipendenza dallo Stato boliviano, come rivelato da Wikileaks.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: