Cubainformacion: Rum Bacardi e Legge Helms Burton

Print Friendly, PDF & Email

Sapevate che la Legge Helms-Burton è stata redatta negli uffici del Rum Bacardí?

“Bacardí, un cattivo bere”, la campagna internazionale di boicottaggio del Rum Bacardí, guadagna attualità dopo la piena applicazione della Legge Helms-Burton, una misura approvata da Donald Trump.

Perché? Perché parte di questa legge -che cerca di impedire l’afflusso di capitali a Cuba- è stata redatta dagli avvocati di Bacardí. Un fatto che non leggeremo sulla stampa aziendale.

Facciamo storia. Nel 1958, la dittatura di Fulgencio Batista era sul punto di cadere. Per evitare la presa del potere da parte della Rivoluzione, la Casa Bianca cercò di formare un governo provvisorio, uno dei cui membri sarebbe stato il presidente della società Bacardi.

I Bacardi erano l’élite del paese. Oltre al rum, possedevano partecipazioni in banche, società di costruzioni, hotel, birrifici, club privati ​​ed industria petrolifera.

Le leggi rivoluzionarie colpirono i loro interessi e, da Miami, si dedicarono, per anni, a finanziare azioni violente contro il governo cubano.

La Rivoluzione resistette e si consolidò. Ma, negli anni ’90, accadde qualcosa che fece riattivare l’azione politica dei Bacardi: un’alleanza tra lo stato cubano e la società francese Pernord Ricard per lanciare il rum Havana Club sul mercato mondiale.

Havana Club strappò un’importante quota di mercato al Ron Bacardí. La risposta dell’azienda fu una potente campagna di lobby politica e la stesura della Legge Helms-Burton, che fu approvata nel 1996.

Quindi, ricordate: il Rum Bacardi è … un cattivo bere.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...