La deputata comunista cilena Camila Vallejo: “L’America Latina non ha imparato nulla dai colpi di stato”

Print Friendly, PDF & Email

“Il settore conservatore del Cile si è opposto per molti anni ai cambiamenti che il popolo ha chiesto nelle strade”, lamenta Camila Vallejo, deputata del Partito comunista del Cile.

La deputata del Partito comunista del Cile, Camila Vallejo, ha commentato le manifestazioni di massa che sono state registrate nel suo paese dallo scorso ottobre.

Secondo la deputata, “un disagio” si è accumulato nella società, anche se lo scoppio di una crisi così massiccia come è ora registrato “non era prevedibile”. “Nella sua configurazione, nella sua forma, non era prevedibile , ma è molto comprensibile quello che è successo. In effetti ci sono stati molti anni, decenni di abusi, disuguaglianze e ingiustizie, di maltrattamenti contro il popolo cileno”, che alla fine hanno portato alla situazione corrente, ha spiegato.

La rappresentante comunista afferma che il movimento vuole ancora “sollecitare risultati e cambiamenti di sostanza e anche cambiamenti immediati nelle loro condizioni di vita” in Cile. Ha sottolineato che il governo ha raggiunto un accordo storico per cambiare la Costituzione del paese e si tengono discussioni sul cambiamento in termini di pensioni e salari minimi, ma tutto ciò non è ancora “materializzato in questioni specifiche”.

“In effetti ci sono stati molti anni, decenni di abusi, disuguaglianze e ingiustizie, maltrattamenti nei confronti del popolo cileno”

La situazione è complicata dal fatto che nel mezzo delle proteste ” violazioni sistematiche dei diritti umani ” e le forze dell’ordine e della sicurezza “continuano a reprimere ” il popolo. In tale contesto, Vallejo ha affrontato la questione di un’accusa costituzionale contro il presidente Sebastián Piñera. La deputata ha affermato che è probabile che i senatori non vogliano sostenere l’iniziativa, ma ha sottolineato che presentarla “è un dovere etico”.

Negoziati su una nuova Costituzione

Vallejo ha affermato che il suo partito non è d’accordo con il modo in cui è stata negoziata la creazione di una nuova Costituzione. “Non siamo d’accordo con l’imposizione di un quorum per l’Assemblea costituente che ha impedito alla maggioranza di esprimersi e infine ha facilitato il fatto che la minoranza potesse porre il veto all’opinione della maggioranza”, ha precisato.

Secondo Vallejo, c’è anche un problema nel modo in cui la questione è stata negoziata: “la gente vuole partecipare” al processo politico e ha chiesto “di far parte” dell’accordo. Ma “in questo accordo non ci sono organizzazioni sociali, non erano state loro chieste, non hanno partecipato”, ha aggiunto, evidenziando che il problema di “come le organizzazioni sociali sono coinvolte in questo processo non è stato risolto in questo momento”.

Ha ricordato che le persone non solo “devono avere l’ultima parola”, ma bisogna assicurare anche che le persone siano ben rappresentate nel caso in cui verrà redatta la nuova Costituzione.

In tale contesto, la politica ha sottolineato che il presidente del paese non ha mai convocato un incontro con le organizzazioni sociali e ha avuto solo conversazioni con i presidenti dei partiti politici e con i parlamentari. “Non c’è stato nessun caso in cui le persone organizzate possano influenzare questo processo”, ha aggiunto.

La situazione in Bolivia

La turbolenza in Cile ha coinciso con altri tipi di manifestazioni in altri paesi dell’America Latina, tra cui Ecuador, Perù e Bolivia, dove le proteste hanno portato alle dimissioni del presidente Evo Morales. Vallejo ha affermato che in Cile “si rammaricano molto” della situazione in Bolivia e ha sottolineato la moralità di Morales “di indire elezioni anticipate”, ma “non è stato ancora abbastanza per l’opposizione, per la polizia, per le forze armate”.

Vallejo ha affermato che ciò che sta accadendo in Cile “non è lo stesso” di quello che è accaduto in Bolivia. Tuttavia, i fatti in Bolivia mostrano che “l’America Latina non ha imparato nulla del colpo di stato, per quanto riguarda gli interventi militari”.
” Non permetterei mai o non sarei mai favorevole a un colpo di stato” in Cile, sebbene il presidente sia Piñera, ha sottolineato, aggiungendo che “in nessun caso” consentirebbe un intervento militare nel suo paese.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: