Popolo cubano parteciperà alla risposta al coronavirus, dice Diaz-Canel

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel, ha detto oggi che il popolo parteciperà alla risposta contro il coronavirus Covid-19 che colpisce oltre 80 paesi.

La gente può aspettarsi una risposta adeguata a questa situazione, perché la gente sarà anche parte di quella risposta che tutti noi intendiamo dare, se necessario”, ha spiegato Diaz-Canel durante il primo incontro regionale per la prevenzione di questa malattia a Santa Clara, a più di 300 chilometri a est dell’Avana.

“Il popolo si può aspettare una risposta adeguata al confronto di questa situazione perché anche il popolo farà parte di questa risposta che pianifichiamo affinché tutti possano dare un aiuto, se è necessario”, ha spiegato Diaz-Canel durante la prima riunione regionale per la prevenzione contro questa malattia a Santa Clara, ad oltre 300 chilometri all’est de L’Avana.

All’incontro per l’aggiornamento del piano di prevenzione e confronto assistono il primo ministro Manuel Marrero, governatori, intendenti ed altri dirigenti delle province di Matanzas, Villa Clara, Cienfuegos, Sancti Spiritus e Ciego de Avila.

Questo piano è stato studiato per essere preparati meglio con efficienza, controllo, rigore, fatto che richiede molta disciplina, oltre a creare un ambiente di fiducia e sicurezza che garantisce la partecipazione cittadina, ha spiegato il mandatario.

Segnalando che si prendono opportunamente tutte le decisioni, il capo di Stato ha confermato che non esistono casi di coronavirus nel paese.

La popolazione deve sapere come agire in ogni caso, perché questa battaglia si vince con partecipazione cittadina, ha aggiunto.

Frattanto, il ministro di Salute Josè Angel Portal ha annunciato che le prove per diagnosticare il coronavirus si realizzeranno anche nel laboratorio di medicina nucleare di Santa Clara. Si invierebbero lì i campioni sospettosi del territorio centrale.

Inoltre, Portal ha sottolineato che gli ospedali militari cubani saranno utilizzati come centri di isolamento per pazienti malati col Covid-19.

Come parte del piano, si incrementano le misure di prevenzione in ogni provincia mediante la vigilanza epidemiologica in porti e terminal aerei, l’abilitazione al personale medico e l’osservazione da parte del sistema di attenzione primaria di salute.

Il governo ha aggiornato il suo piano di confronto al coronavirus in una riunione straordinaria del consiglio dei Ministri.

Tra le azioni si prevedono check-up giornalieri, tavole rotonde, videoconferenze, ed udienze pubbliche in comunità e centri di lavoro. Le azioni intraprese dal governo sono avviate a mantenere al minimo i rischi dell’entrata del Covid-19 al paese ed in caso succedesse, a diminuire il più possibile il suo impatto sociale ed economico.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...