Cuba inclusa nell’elenco degli Stati Uniti dei Paesi che non combattono il terrorismo

Print Friendly, PDF & Email

Il governo degli Stati Uniti include Cuba nella sua falsa lista di paesi che non collaborano nella lotta al terrorismo.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha incluso oggi Cuba nella sua lista di paesi che non collaborano alla lotta contro il terrorismo, insieme ad altre nazioni come Iran, Corea del Nord, Siria e Venezuela.

Cuba non era in quella lista dal 2015, quando è stata rimossa durante il mandato del presidente Barack Obama, dopo essere stata inclusa per 33 anni, come informa l’agenzia Rusia Today.

Il testo ufficiale dell’annuncio pubblica che questi paesi sono inclusi nella sezione 40A della Legge sul Controllo di Esportazioni di Armi come “non cooperanti completamente” con gli sforzi antiterroristici di Washington; e, in base a tale normativa, è vietata la vendita o la licenza per l’esportazione di articoli e servizi di difesa verso questi Stati.

Riferisce che Cuba è stata inclusa perché i membri dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN) della Colombiasono rimasti a La Habana nel 2019 e il governo cubano ha rifiutato di estradare 10 dei suoi membri, dopo che c’è stato assegnato un attacco con autobomba alla Escuela General Santander de Cadetes di Bogotá, che ha causato 22 morti e oltre 60 feriti.

Inoltre, il Dipartimento di Stato sostiene che Cuba ospita diversi fuggitivi della giustizia statunitense; Includono Joanne Chesimard, che è stata condannata per l’esecuzione del soldato di stato del New Jersey Werner Foerster nel 1973.

Inoltre, il Dipartimento di Stato sostiene che Cuba ospita diversi fuggitivi della giustizia statunitense; tra questi citano Joanne Chesimard, che è stato condannato per l’esecuzione di Werner Foerster, un poliziotto del New Jersey, nel 1973.

Quanto al Venezuela, la sua permanenza nella lista risponde al fatto che nel 2019, il presidente Nicolás Maduro e i suoi funzionari presumibilmente “avrebbero continuato a fornire contesti permissivi ai terroristi nella regione per mantenere la loro presenza”, compresi i presunti dissidenti delle forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (FARC) e membri dell’ELN.

Per quanto riguarda la Siria, gli Stati Uniti ritengono che questo paese “abbia continuato il suo sostegno politico e militare a gruppi terroristici”, tra cui Hezbollah.

Riferendosi alla Corea del Nord, la accusano di continuare a fornire ospitalità a quattro persone giapponesi che hanno partecipato al dirottamento di un volo da una compagnia aerea giapponese nel 1970.

Nel caso dell’Iran, gli attribuiscono di essere “il più grande patrocinatore statale del terrorismo del mondo”, sostenendo Hezbollah, i gruppi terroristici palestinesi e altri che operano in tutto il Medio Oriente.

Traduzione: mac

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: