Rivelato il ruolo segreto del Regno Unito nei piani golpisti contro il Venezuela

Print Friendly, PDF & Email

Il portale britannico The Canary ha pubblicato un’inchiesta del giornalista John McEvoy, dove viene rivelata l’intesa segreta tra il ministero degli Esteri britannico e l’opposizione venezuelana (del golpista Guaidò) per rovesciare il presidente costituzionale del Venezuela Nicolás Maduro.

Secondo i documenti ottenuti ai sensi della legge sulla libertà di informazione, il giornalista McEvoy sottolinea che negli ultimi 16 mesi il governo britannico ha sostenuto l’oppositore Juan Guaidó nei suoi tentativi di rovesciare il capo dello Stato Nicolás Maduro. L’inchiesta indica che a fine gennaio 2019, l’Ufficio degli Affari Esteri e del Commonwealth (FCO) del Regno Unito ha invitato la Banca d’Inghilterra a garantire a Guaidó l’accesso a 1,2 miliardi di sterline delle riserve d’oro venezuelane.

“Nel gennaio 2020, Guaidó si è recato a Londra per incontrare i funzionari del governo del Regno Unito e puntellare il sostegno internazionale per i suoi costanti sforzi per rovesciare il governo venezuelano”, afferma l’inchiesta.

Durante un suo recente viaggio a Londra – rivela The Canary – Guaidó ha tenuto un incontro con il segretario agli Esteri britannico Dominic Raab, il ministro delle Americhe, Christpher Pincher e il direttore per le Americhe, Hugo Shorter, per discutere della questione Venezuela.

“I documenti ottenuti ai sensi della legge sulla libertà di informazione offrono dettagli sulla sua visita e rivelano l’esistenza di un’unità specializzata all’interno dell’FCO dedicata alla ‘ricostruzione’ del Venezuela”, aggiunge.

Secondo la pubblicazione, il “capo dell’unità di ricostruzione venezuelana, FCO”, John Saville, era presente all’incontro, “l’esistenza di questa unità non è mai stata riconosciuta pubblicamente né dall’FCO né da Saville, che era precedentemente ambasciatore del Regno Unito in Venezuela (2014-2017)”.

“Saville è stata una figura centrale nell’organizzazione della visita di Guaidó e, a gennaio 2020, erano già in corso piani per una violenta incursione in Venezuela da parte dei mercenari degli Stati Uniti e del Venezuela – un piano che, secondo il mercenario statunitense al comando, fu firmato dallo stesso Guaidó. In effetti, l’intero contratto divulgato dal Washington Post indica Guaidó come “comandante in capo” dell’intera operazione. Guaidó ha negato la sua partecipazione”, dice l’articolo del giornalista McEvoy.

Il giornalista afferma che la segreta “Unità di ricostruzione del Venezuela” all’interno dell’FCO, insieme alle conversazioni private dell’FCO con il rappresentante di Guaidó nel Regno Unito, può portare a rivelare fino a che punto il governo britannico sia coinvolto nei piani per rovesciare l’esecutivo venezuelano.

“Questi documenti suggeriscono anche che il ‘regime change’ in Venezuela segue la procedura tipica: i paesi che contribuiscono maggiormente durante la fase di destabilizzazione possono aspettarsi di condividere il bottino finanziario nella fase di ‘ricostruzione’”.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...