Fidel: “Non si può aspettare, perché domani potrebbe essere troppo tardi”

Print Friendly, PDF & Email

“Un’importante specie biologica rischia di scomparire a causa della rapida e progressiva liquidazione delle sue condizioni di vita naturali: l’uomo.
“Ora siamo consapevoli di questo problema quando è quasi troppo tardi per prevenirlo”.

Fidel (1992)

Rio de Janeiro, Brasile. Giugno 1992. La città meticcia e vibrante ospita uno degli incontri più trascendentali mai tenutisi: la Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo Sviluppo. Le sue deliberazioni sono iniziate il 3 giugno con esperti e ministri e sono culminate il 12-14 giugno con i capi di Stato e di governo.

Il Comandante in capo è venuto a Rio per portare la voce di Cuba. In totale si sono incontrati 116 leader mondiali. L’incontro del maggior numero di capi di Stato della storia. Fin dall’inizio, Fidel ha ascoltato attentamente. Quando è stato il turno di Cuba, la presenza del leader ha inondato la sala. Il suo discorso di poco meno di cinque minuti è stato il più applaudito di tutti, come riconosciuto senza eccezioni dalla stampa mondiale. Quella di Fidel era la voce dei Paesi del Terzo Mondo.

“Va notato che le società di consumo sono fondamentalmente responsabili della spaventosa distruzione dell’ambiente. Nascono dalle ex metropoli coloniali e dalle politiche imperiali che, a loro volta, hanno generato l’arretratezza e la povertà che oggi affliggono la stragrande maggioranza dell’umanità”.

La firma di diversi accordi tra Cuba e alcuni Paesi è stata un’ulteriore prova di buone relazioni e di simpatia per il popolo cubano. “Nessuno dovrebbe pensare che questo significhi un sacrificio per Cuba. Non è una cosa che merita gratitudine. Per noi è qualcosa di semplice e stiamo compiendo il nostro dovere di fratelli e amici”.

“Quando le presunte minacce del comunismo sono scomparse e non ci sono più scuse per le guerre fredde, le corse agli armamenti e le spese militari, cosa ci impedisce di dedicare immediatamente queste risorse alla promozione dello sviluppo del Terzo Mondo e alla lotta contro la minaccia della distruzione ecologica del pianeta?

“Cessi l’egoismo, cessi l’egemonia, cessi l’insensibilità, l’irresponsabilità e l’inganno. Domani sarà troppo tardi per fare quello che avremmo dovuto fare molto tempo fa“.

Secondo Fidel, la consapevolezza della necessità di agire con urgenza a favore dell’ambiente e il Summit sono stati la convinzione sempre più diffusa che se non si compiono per tempo azioni essenziali, l’uomo si trova sulla soglia incerta che la distruzione di tutte le forme di vita sul pianeta può rappresentare. “Se non viene fermata, le conseguenze potrebbero essere devastanti. Questo è un impegno che non può essere rinviato” e lo ha avvertito in numerose occasioni. Ecco alcune di queste frasi.

“Non è possibile aspettare, perché domani potrebbe essere troppo tardi. Le nostre decisioni oggi non possono diventare lettera morta, ma devono essere seguite concretamente e portare alla creazione di strumenti efficaci per lavorare insieme”.

Fidel Castro (1995)

“I potenti discutono le modalità della nuova divisione del mondo. Noi poveri e piccoli paesi stiamo cercando di capire come sopravvivere nei prossimi decenni. Se siamo isole a pochi metri dal mare, ci chiediamo cosa succederà quando le acque si alzeranno e se saremo in grado di affrontare la siccità, i cicloni e le altre catastrofi climatiche che ci attendono.

Fidel Castro (1992)

“Paga il debito ecologico e non quello estero. Che la fame scompaia e non l’uomo”.

Fidel Castro (1992)

“Dobbiamo proclamare con tutte le nostre forze che abbiamo il diritto di respirare aria pulita, di bere acqua non contaminata…, di nutrirci e di avere quel cibo sano, di essere istruiti, di essere curati, di essere meno poveri quando gli altri diventano più ricchi.

Fidel Castro (1996)

Nel video il discorso al Summit di Rio de Janeiro

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: