Díaz-Canel incontra la brigata che ha combattuto il Covid in Italia

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente della Repubblica di #Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, si è incontrato questo sabato mattina con i 52 membri della brigata medica cubana appartenenti al Contingente Internazionale Henry Reeve, che hanno collaborato alla lotta contro il COVID-19 in Lombardia, #Italia.

Secondo un rapporto dei servizi informativi della televisione cubana, l’emozionante incontro ha avuto luogo presso il Centro Internazionale di Salute La Pradera, al quale hanno partecipato anche il Primo Ministro Manuel Marrero Cruz e altri leader del Partito e del Governo.

Il presidente cubano ha visto soddisfatto il suo desiderio di tornare a incontrare questo gruppo di professionisti della salute, 13 giorni dopo il loro ritorno in patria, dopo che hanno concluso la necessaria quarantena.

Dopo averli salutati, Díaz-Canel ha ribadito la gratitudine e l’orgoglio del popolo per il successo della loro missione, per due mesi e 17 giorni di intensa e dura lotta contro il COVID-19 in Lombardia, una regione italiana che in quel momento era considerata l’epicentro mondiale della pandemia.

l dottor José Ángel Portal Miranda, Ministro della Salute Pubblica, ha presentato uno a uno a questi dedicati professionisti cubani, che hanno effettuato 5.226 cure mediche, 3.667 procedure infermieristiche e, cosa ancora più importante, sono riusciti a salvare 219 vite.

Nel dialogo, i membri della brigata hanno raccontato l’impatto che, al loro arrivo in Lombardia, ha causato l’entità della pandemia, e l’arduo lavoro congiunto con le autorità e i professionisti della Salute italiani, che ha guadagnato la loro fiducia, il loro riconoscimento e il loro rispetto.

Hanno ricordato con emozione i pazienti trattati e la loro enorme gratitudine e hanno riferito delle conoscenze ed esperienze acquisite in questi mesi di lotta contro il nuovo coronavirus, che arricchiranno senza dubbio il lavoro del sistema cubano della Salute cubano.

Il presidente della Repubblica di Cuba ha definito questo scambio come molto incoraggiante e ha nuovamente ringraziato i membri della brigata medica per la loro dedizione, umanità e semplicità e ha augurato loro un buon ritorno a casa e una felice Giornata dei Padri.

I collaboratori hanno ricevuto in dono un camice bianco con la “marca país” e un biglietto personalizzato firmato dal Presidente cubano.

Da parte sua, il Dr. Carlos Ricardo Perez Diaz, capo della brigata, ha consegnato a Díaz-Canel la bandiera cubana che li ha accompagnati nell’adempimento della loro missione e la targa che fu loro donata dalle autorità italiane in riconoscimento del loro lavoro.

Traduzione: mac

Fonte

Potrebbero interessarti anche...