Nonostante l’ostilità degli Stati Uniti, Cuba continuerà a portare la salute nel mondo

Print Friendly, PDF & Email

La Rappresentante Permanente di Cuba presso le Nazioni Unite, Ana Silvia Rodríguez, ha sottolineato oggi che, nonostante le azioni ostili del governo degli Stati Uniti, l’isola caraibica continuerà a portare salute ai popoli del mondo.

L’interesse per la cooperazione medica di Cuba sta crescendo in tutto il mondo

Medici di Cuba contro Covid-19, solidarietà per il mondo

Attraverso il suo account ufficiale su Twitter, l’ambasciatrice ha respinto l’inclusione di Cuba nelle “liste spurie” redatte da Washington, come quella della tratta di esseri umani.

Allo stesso modo, ha condannato il blocco genocida mantenuto dal governo degli Stati Uniti contro Cuba più di 60 anni fa.

La diplomatica ha anche condiviso su Twitter un grafico che mostra ilrapido aumento dei casi di Covid-19 negli Stati Uniti, il Paese con il maggior numero di infezioni al mondo.

Mentre questo sta accadendo, ha detto l’ambasciatore all’ONU, il governo degli Stati Uniti sta dedicando sforzi e risorse per denigrare la cooperazione cubana nel mondo e minacciare coloro che hanno deciso, a beneficio del loro popolo, di chiedere il nostro aiuto per combattere la pandemia.

Recentemente, alludendo alla crescente ostilità americana, il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha dichiarato che la battaglia è dura; dobbiamo vincerla e la stiamo vincendo.

Il nemico ha un piano ben organizzato contro di noi, e più andiamo avanti, maggiore è l’offensiva”, ha detto il presidente in una riunione del Consiglio dei ministri a giugno.

Ha anche messo in guardia contro l’offensiva sovversiva nei social network, che ha descritto come estremamente aggressiva.

Ogni giorno, ha sottolineato il presidente cubano, c’è un’enorme quantità di barbarie, menzogne, speculazioni ed esagerazioni, che dobbiamo negare e denunciare.

Da parte sua, il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez ha accusato gli Stati Uniti di criminalizzare la cooperazione internazionale fornita dall’isola per affrontare la pandemia di Covid-19.

Lo fa per motivi politici, ha detto Rodríguez sul suo account Twitter, spiegando che la Casa Bianca non ha alcun interesse per l’umanesimo e la solidarietà.

Il governo degli Stati Uniti non esita a danneggiare gli sforzi dei paesi terzi per affrontare la pandemia e attaccare Cuba, ha aggiunto.

Qualche giorno fa, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha presentato il rapporto sulla tratta di esseri umani, che includeva Cuba nella posizione peggiore (livello tre) e classificava le missioni mediche dell’isola come lavoro forzato.

Questo annuncio coincide con l’intensa campagna dell’amministrazione Donald Trump contro la collaborazione del personale sanitario della nazione caraibica nel mondo, sostenendo violazioni nel trattamento e nel pagamento.

Nonostante ciò, molti governi chiedono aiuto della più grande delle Antille per affrontare la pandemia di Covid-19. Ad oggi, circa 38 brigate di collaboratori medici cubani hanno viaggiato in 31 paesi in Europa, nelle Americhe, in Africa e in Medio Oriente.

Traduzione di italiacuba.it

Fonte

Potrebbero interessarti anche...