Cuba: un parlamento in una trincea

Print Friendly, PDF & Email

Ci dicono che Cuba è una dittatura. Vediamo.

Nel 2011, il cambiamento strutturale nel modello economico è stato discusso in 160 mila assemblee. In fabbriche, uffici, università e quartieri in tutta Cuba.

Non c’è stato un “pacchetto” economico o lavorativo. Le riforme sono state attuate con un elevato consenso sociale.

Lo stesso processo partecipativo è stato applicato per la nuova Costituzione, approvata in un referendum nel 2019, dopo essere stata discussa, per tre mesi, in 130.000 assemblee.

Nonostante il fatto che la guerra sia un cattivo scenario per la democrazia, Cuba costruisce, come diceva Cintio Vitier, “un parlamento in una trincea”.

Nel frattempo, nella pace delle “democrazie”, costituzioni e riforme sono preparate da élite esperte.

Non vadano ad assomigliare … alla “dittatura” cubana.


Cuba: un parlamento en una trinchera

Nos dicen que Cuba es una dictadura. Veamos.

En 2011, el cambio estructural en el modelo económico fue debatido en 160 mil asambleas. En fábricas, oficinas, universidades y barrios de toda Cuba.

No hubo un “paquetazo” económico o laboral. Las reformas se aplicaron con un alto consenso social.

El mismo proceso participativo se aplicó para la nueva Constitución, aprobada en referéndum en 2019, tras ser discutida, durante tres meses, en 130 mil asambleas.

A pesar de que la guerra es mal escenario para la democracia, Cuba construye, como dijo Cintio Vitier, “un parlamento en una trinchera”.

Mientras, en la paz de las “democracias”, constituciones y reformas son cocinadas por las elites expertas.

No vayan a parecerse… a la “dictadura” cubana.

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: