Cuba non interferisce nel processo elettorale di altri paesi

Print Friendly, PDF & Email

Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez Parrilla ha denunciato dal suo account Twitter che “i rappresentanti del presidente Trump mentono senza pietà nel diffondere false informazioni su presunte interferenze cubane nelle elezioni statunitensi”. Pura calunnia”, e ha aggiunto che “in contrasto con l’attuale politica del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Cuba non interferisce nel processo elettorale di altri Paesi”.

Il team della campagna presidenziale di Donald Trump ha riferito che i governi di Cina, Venezuela e Cuba hanno interferito nelle ultime elezioni generali, presumibilmente a beneficio del candidato democratico Joe Biden.

L’avvocato Sidney Powell ha detto, in una conferenza stampa, che il denaro dei paesi comunisti è stato utilizzato per creare il software Dominion Voting Systems, utilizzato durante le elezioni negli Stati Uniti.

Anche il Venezuela ha risposto alle accuse. Nel suo account Twitter, il ministro degli Esteri Jorge Arreaza ha scritto: “Ci sono diversi livelli: le bugie, l’assurdo e il ridicolo. Senza dubbio, ritenere il comandante Chávez responsabile della sconfitta di Trump nel 2020 è estremamente ridicolo (?)”.

L’Agenzia statunitense per la sicurezza delle infrastrutture e la sicurezza informatica ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che questi sono stati i voti più sicuri della storia. “Non vi è alcuna prova che un meccanismo di voto abbia eliminato, perso o modificato i voti o sia stato in qualche modo intercettato”, afferma il testo, citato dall’agenzia di stampa Prensa Latina.

Cuba ha subito interferenze e vessazioni da parte degli Stati Uniti in tutti questi anni della Rivoluzione; la sua politica estera, invece, si basa su principi etici che rifiutano l’interferenza negli affari interni di altri Stati.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: