Italiani e cubani rendono omaggio a Fidel Castro

Print Friendly, PDF & Email

Italiani e cubani ricordano con varie attività il leader storico della Rivoluzione, Fidel Castro, nel quarto anniversario della sua scomparsa fisica.

I lavoratori dell’ambasciata cubana in Italia e le loro famiglie, insieme ai rappresentanti di altri enti dell’isola accreditati in questo Paese, hanno tenuto un emozionante incontro presso la sede della missione diplomatica.

Durante la manifestazione sono stati proiettati un audiovisivo preparato per l’occasione e frammenti del documentario “Fidel de Cerca”, diretto dai messicani Eduardo Flores e Gabriel Beristaín e dal cubano Roberto Chile, vincitore del Premio del Pubblico nella recente 35ª edizione del Festival del Cinema Latino Americano di Trieste.

A nome delle giovani generazioni, i bambini Félix Lorenzo e Ana Lía Muñoz hanno fatto un’offerta floreale per onorare la memoria del leader rivoluzionario, mentre i più grandi hanno raccontato esperienze con lui in diversi momenti, dentro e fuori Cuba.

Da parte sua, l’Associazione Nazionale di Amicizia Italo-Cubana (Anaic) ha svolto altre attività in cui ha esaltato la vita, il lavoro e l’esempio di qualcuno che ha descritto come “un patrimonio comune dell’umanità”.

L’Associazione ha anche srotolato un grande striscione in occasione dell’evento nella centrale via Cristoforo Colombo nella capitale, con espressioni come “La Solidarietà non è bloccata“, “No al blocco statunitense contro Cuba” e “Premio Nobel per la Brigata Medica Cubana Henry Reeve“.

Inoltre, ha distribuito un collage fotografico con i volti di un centinaio di suoi leader, con l’etichetta “Sblocca Cuba“, seguito dalla frase “Basta con la guerra economica contro Cuba!

Allo stesso tempo, i giovani di quella e di altre organizzazioni hanno pubblicato messaggi audiovisivi di saluto all’Incontro Internazionale dei Giovani “Idee che sono Bandiere“, organizzato dall’Avana dalla Lega dei Giovani Comunisti, dal 24 al 26 di questo mese, in omaggio al leader storico della Rivoluzione.

Claudia Proietti, 34 anni, ingegnere civile, ha partecipato all’evento per conto dell’Anaic. In un dialogo con Prensa Latina, si è detta orgogliosa ed emozionata di poter parlare in una conferenza del suo amore per Cuba e Fidel Castro, insieme a giovani di altri Paesi.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: