Il Presidente cubano dice che il 2021 sarà un anno di sfide

Print Friendly, PDF & Email

Il prossimo 2021 sarà un anno di sfide per Cuba, una tappa di superamento, miglioramento, dialogo e continuità in linea con le trasformazioni che stanno avanzando nel paese oggi, ha detto il presidente Miguel Díaz-Canel.

Nel mezzo di questi complessi cambiamenti, la nazione richiede sforzo e unità, ha riconosciuto il presidente in un recente incontro con le autorità della capitale dopo due giorni di visite di governo nel territorio.

“Alla luce dei giorni, possiamo dire che il 2020 è stato un anno difficile, che ci ha messo alla prova; un anno di resistenza ma che ha favorito la solidarietà e l’unità”, ha sottolineato, come citato dal sito della Presidenza.

Secondo il Presidente, il contesto attuale è complesso e più aggressivo che mai.

“Non possiamo essere ingenui quando sappiamo dell’esistenza di uno sciame annessionista che vuole far crollare la Rivoluzione, che cerca di approfittare personalmente di tutto ciò che accade, perché ci sono molti soldi e consigli dal brutale nord”, ha detto.

Hanno cercato di applicare una piattaforma di golpe morbido o di guerra non convenzionale senza successo, ha aggiunto, ma questo dovrebbe mettere in guardia contro future provocazioni nel paese.

“Quindi, con polso forte, con intelligenza e lucidità acuta, dobbiamo confrontarci con tutti questi piani imperialisti”, ha detto.

Per quanto riguarda l’ordine monetario, il presidente ha sostenuto che terrà sotto controllo il comportamento dei prezzi a causa dell’elevato impatto che il loro aumento potrebbe avere sull’equilibrio finanziario della popolazione.

Il progetto richiede che il rapporto prezzo-salario sia più proporzionale perché si perde il potere d’acquisto, ha spiegato.

Come primo passo di questa strategia, dal 1° gennaio verrà applicato il tasso di 24 pesos per un dollaro, il che implica un nuovo tasso di cambio, la cessazione del CUC e l’istituzione del peso come unica moneta nazionale.

Inoltre, sono previste l’eliminazione dei sovvenzioni eccessive e delle gratifiche indebite e una modifica della distribuzione del reddito.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

 

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mario Franzil ha detto:

    Continua il cammino di Cuba, anche la scomparsa della doppia moneta ed i suoi adeguamenti sono un segno della robustezza dell’economia cubana, che fronteggia il bloqueo che.prima o poi dovra’ finire, perche’ dimostra la sua incapacita’ a far crollare Cuba e la sua rivoluzione!!