Profondo cordoglio per la dolorosa scomparsa del compagno e amico Guido Vicari

Print Friendly, PDF & Email

Guido Vicari classe 1955 non è il Covid che lo ha portato via, ma il cuore fatto di ventricoli, atri e aorta lo ha abbandonato. Il cuore vero con cui ha lottato sempre dalla parte dei più deboli, il cuore dei sentimenti, della poesia, della musica, del rap, non lo ha mai abbandonato. La sua militanza politica nelle fila della sinistra (quella vera) inizia da giovane studente in seguito alla quale viene brutalmente aggredito dai fascisti. Erano gli anni in cui si scendeva in piazza per manifestare contro il golpe di stato in Cile, in sostegno alle lotte del popolo palestinese, gli anni in cui le ingiustizie che avvenivano anche in Paesi lontani le sentivi sulla tua pelle e sempre Guido c’era.

Militante per anni nel Partito della Rifondazione Comunista di Ravenna, iscritto all’ANPI, era nel Direttivo del Circolo ravennate “ Vilma Espin” della nostra Associazione dove copriva il ruolo di responsabile del tesseramento.

A Cuba lascia diversi amici con cui aveva istaurato solidi rapporti durante la Brigata “ Gian Maria Volontè”: con la figlia dell’attore, tanto amato nell’Isola Ribelle, assieme ai compagni ravennati e cubani aveva portato il cinema nei piccoli avamposti, sulla Sierra dell’Escambray.

Nel 2007 nasce la Guido Vicari Editore con l’intento e desiderio di pubblicare la poesia ricercando testi di poeti sconosciuti. Nasce dalla necessità di contrastare l’afasia che attraversa una società appiattita su canali di comunicazione ampliamente controllati dal profitto e dalla superficialità più avvilente. Nasce dalla sfida di dare la possibilità a tutti coloro che con i propri versi, ostinatamente, hanno il coraggio di proclamare la propria umanità, di pubblicare la propria opera senza alcuna spesa. Con questa piccola casa editrice vengono pubblicati libri di giovani poeti cubani, facendo conoscere Cuba e la sua Rivoluzione attraverso la poesia.

Chi lo conosceva apprezzava la sua umanità e disponibilità verso quella umanità oppressa e umiliata dal potere e dalla povertà. La sua capacità di interrogarsi che lo portava all’ascolto delle ragioni dell’altro senza per questo mai perdere la sua capacità critica e la sua voglia di battersi contro le ingiustizie ovunque queste si manifestassero.

Ci mancherà moltissimo, ma sarà sempre nelle nostre lotte a fianco di Cuba.

In questo tristissimo momento ci stringiamo al dolore dei figli e delle nipoti.

Alla sua famiglia ai suoi cari, agli amici e compagni del Circolo ravennate e alla sua Segretaria Giuliana, che ringraziamo per il ricordo, giungano le nostre più sentite condoglianze.

CIAO GUIDO. HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!

​La Segreteria Nazionale
Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: