Lula a Cuba per partecipare al documentario di Oliver Stone

Print Friendly, PDF & Email

L’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva si è recato a Cuba per partecipare a un documentario sull’America Latina diretto dal regista statunitense Oliver Stone, vincitore di due Oscar.

Sarà il terzo viaggio internazionale per il fondatore del Partito dei lavoratori dopo il suo rilascio dal carcere l’8 novembre 2019, dopo essere stato condannato per presunti atti di corruzione. Si era recato in Vaticano a febbraio, quando ha incontrato Papa Francesco e in Europa a marzo.

Recentemente, gli avvocati dell’ex leader dei lavoratori hanno inviato una lettera per informare la tredicesima camera del Tribunale penale federale nella città meridionale di Curitiba della sua partenza.

Condannato due volte in secondo grado e con altri procedimenti in corso, l’ex leader dei lavoratori non ha alcun impedimento legale a viaggiare.

Tuttavia, la comunicazione alla giustizia è usuale per coloro che si trovano nella condizione di imputati.

Secondo il documento del team legale, Lula tornerà al gigante sudamericano il 20 gennaio 2021.

La difesa dell’ex governatore ha spiegato nella lettera che il viaggio nell’isola caraibica non gli impedirà di assistere a qualsiasi atto giudiziario in cui sia richiesta la sua presenza.

Come è stato fatto durante l’intera procedura, il firmatario (Lula) chiarisce che non mancherà di assistere a qualsiasi atto giudiziario per il quale la sua presenza è obbligatoria”, hanno scritto gli avvocati.

All’inizio di quest’anno, l’ex presidente ha ringraziato i professionisti cubani che hanno partecipato al programma Más Médicos del Brasile e l’aiuto di Cuba con la sua medicina ad altri popoli del mondo.

“Quanto sarebbe bello se avessimo, come Cuba, medici anche da esportare in altri Paesi”, ha detto Lula in una lettera inviata al popolo cubano, dopo la fine della sua partecipazione all’iniziativa creata nel governo di Dilma Rousseff (2011-2016).

Egli apprezzava l’isola latinoamericana per l’esportazione dei medici nel mondo. “Molto meglio dei paesi ricchi che esportano soldati e sganciano bombe sulle comunità povere. Cuba esporta vita, amore, salute”, ha sottolineato.

Nella sua lettera, l’ex presidente ha assicurato che i legami di fratellanza tra i popoli del Brasile e di Cuba sono molto più forti dell’odio irrazionale di alcuni rappresentanti delle élite.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: