Altri due ex combattenti delle FARC uccisi in Colombia

Print Friendly, PDF & Email

La senatrice Griselda Lobo ha chiesto che il governo “indolente” del presidente Ivan Duque “dia garanzie di vita a chi scommette sulla pace”.

Partido Alternativa Revolucionaria del Común (FARC) ha denunciato domenica la morte di altri due ex membri delle Forze armate rivoluzionarie smobilitate della Colombia (FARC), sono 249 gli ex combattenti uccisi dalla firma dell’accordo di pace nel 2016.

Rosa Amalia Mendoza Trujillo, 25 anni, è stata uccisa sabato scorso nel comune di Montecristo, nel dipartimento di Bolivar, nella regione caraibica della Colombia. E Manuel Alonso è stato trovato morto a Miranda, nel dipartimento sud-occidentale di Cauca.

Il partito delle FARC, sul suo account Twitter, ha detto Manuel Alonso, 55 anni, conosciuto nell’ex FARC-EP come Romel o Carmelo, è stato trovato morto nel comune di Miranda, a Cauca.

“Con lui lo sfortunato numero di 248 sogni di pace estinti è stato completato. I nemici della pace non riposano. Le nostre condoglianze ”, ha espresso il gruppo politico di opposizione. In un nuovo tweet, il partito delle FARC ha indicato che “ieri (sabato) hanno assassinato Rosa Mendoza (Karen Palmera), una firmataria indigena della pace”.

“Socia fondatrice di ASOVISBOL Asociación de Vivienda Agraria y Ambiental del Sur de Bolívar. Vittima del massacro nella gola Honda, Montecristo, Bolivar, insieme a 4 persone di una famiglia. QEPD”, ha detto.

Il gruppo politico ha sottolineato che con il crimine commesso contro l’ex combattente, 249 firmatari dell’Accordo di pace sono già stati assassinati.

La senatrice Griselda Lobo, dopo aver denunciato l’assassinio di Mendoza, ha chiesto “che questo governo indolente dia garanzie di vita a chi di noi scommette sulla pace”.

Fonte: Telesur

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...