Cuba Salva: sintesi di un 2020 intenso e unico

Print Friendly, PDF & Email

Il 2020, una data che non sarà dimenticata in futuro a causa degli eventi senza precedenti vissuti nel mondo, è iniziato a Cuba con le celebrazioni per il 61° anniversario della Rivoluzione e la buona notizia del basso tasso di mortalità infantile, che in alcuni comuni cubani ha raggiunto lo zero.

Altri risultati nel settore sanitario sono stati significativi anche nei primi giorni del 2020, in quanto il Ministero della Sanità Pubblica (Minsap) ha condotto a gennaio 118 studi clinici con prodotti che hanno avuto un alto impatto sulla salute della popolazione cubana, e quasi il 50 per cento sono stati collegati alle principali cause di morte nel Paese.

Eravamo ben lungi dall’immaginare la valanga di test, ricerche e innovazioni che sarebbe arrivata nei mesi successivi, a causa della crisi causata dalla pandemia COVID-19, ma da quel momento è stato anche possibile prevedere che gli scienziati cubani sarebbero stati all’altezza del compito.

Le proiezioni per l’anno sono state positive, poiché nel 2020 ci sarebbero stati eventi sportivi, culturali e politici di rilievo a Cuba, o eventi internazionali a cui il Paese avrebbe partecipato in modo significativo.

Tra i progetti più commentati a gennaio c’è stato il Parco Scientifico e Tecnologico dell’Avana, che si trova nell’area dell’Università di Scienze Informatiche (UCI), e sarà il primo centro di questo tipo ad operare nel Paese, ma la sua inaugurazione non ha potuto avvenire a causa della situazione sanitaria.

L’inizio dell’anno ha portato con sé anche nuove aggressioni da parte del governo degli Stati Uniti nei confronti di Cuba, che, lungi dall’essere cessate, sono aumentate in questo periodo, nonostante la difficile situazione che il Paese ha attraversato a causa delle misure adottate per contenere COVID-19.

L’inizio dell’anno ha portato con sé anche nuove aggressioni da parte del governo degli Stati Uniti nei confronti di Cuba, che, lungi dall’essere cessate, sono aumentate in questo periodo, nonostante la difficile situazione che il Paese ha attraversato a causa delle misure adottate per contenere la COVID-19.

A gennaio, il governo degli Stati Uniti ha impedito la partecipazione dei vincitori della 59a National Baseball Series ai Caraibi, poiché la Caribbean Confederation of Professional Baseball (CBPC) è stata messa sotto pressione e ha finito con l’addurre difficoltà con il tempo a disposizione per la gestione dei visti statunitensi, necessari per recarsi a Porto Rico.

I voli charter sono stati costretti a sospendere le rotte verso nove aeroporti cubani; sono rimaste solo le rotte per l’Avana e in questo caso con una nuova restrizione sul numero di voli per l’aeroporto internazionale Jose Marti.

Sempre in quel mese, al generale del Corpo d’Armata Leopoldo Cintra Frias, ministro delle Forze Armate Rivoluzionarie, fu proibito l’ingresso nel territorio degli Stati Uniti, e furono promosse una serie di azioni da parte della nazione del nord che cercavano di denigrare l’immagine degli eroi, in particolare quella dell’apostolo José Marti.

Queste e molte altre azioni si sono svolte nel corso dell’anno, nel tentativo dell’amministrazione Trump di violare la sovranità dell’isola e di internazionalizzare le conseguenze del blocco.

Il mese di febbraio è stato propizio per celebrare la Fiera Internazionale del Libro tra il 6 e il 16 febbraio, uno dei pochi eventi moltitudinali che potevano svolgersi quest’anno, e anche in quel mese si è svolto il Festival Internazionale della Salsa, che si è chiuso in grande stile con un concerto del portoricano Victor Manuel, che si è esibito per la prima volta a Cuba accompagnato dalla sua orchestra.

In quel mese i governatori provinciali e i vicegovernatori, eletti il 18 gennaio, hanno anche assunto l’incarico con atti simultanei su tutto il territorio nazionale prima della nomina del rappresentante del Consiglio di Stato, nel rispetto della Legge Elettorale e delle disposizioni transitorie della Costituzione della Repubblica.

Nell’ambito di queste cerimonie sono stati costituiti anche i Consigli provinciali, composti dai presidenti e dai vicepresidenti delle assemblee comunali e dai sindaci.

Sempre in questi giorni, presso il Centro Congressi dell’Avana, dove erano presenti accademici e ricercatori di tutto il mondo, si è svolto il 12° Congresso Internazionale sull’Educazione Superiore, Università 2020, inaugurato dal Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez.

Inoltre, a febbraio, è stato annunciato che è stato sospeso l’invio di rimesse da tutti i Paesi, ad eccezione degli Stati Uniti, attraverso Western Union, atto che è stato condannato dallo stesso Presidente della Repubblica attraverso il suo account Twitter.

I primi casi del nuovo coronavirus sono stati registrati a Cuba l’11 marzo 2020, lo stesso giorno in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che eravamo in presenza di una pandemia; i casi zero sono stati tre viaggiatori italiani che hanno mostrato sintomi mentre andavano in vacanza a Trinidad.

Già prima che questi primi casi confermati si verificassero, il Paese aveva annunciato un piano nazionale per la prevenzione e il controllo di COVID-19, che prevedeva misure di contenimento per affrontare i primi casi, nonché azioni future per evitare il contagio e il crollo delle istituzioni sanitarie, cosa che finora non è avvenuta, grazie al lavoro del gruppo di lavoro temporaneo creato a tale scopo.

Inoltre, dal terzo mese dell’anno, le brigate mediche hanno iniziato a lasciare Cuba per aiutare diversi Paesi del mondo a contenere la malattia, ed è stata la prima volta che il Contingente Henry Reeve per le situazioni di emergenza ha fornito aiuti di solidarietà in Europa, poiché un gruppo di professionisti cubani si è recato nel nord Italia, una delle regioni più colpite dalla malattia nel vecchio continente.

In un’altra azione di solidarietà senza precedenti, Cuba ha permesso alla nave da crociera MS Braemar di attraccare nel porto di Mariel, con più di mille persone a bordo e cinque casi con diagnosi COVID-19, in risposta a una richiesta del governo britannico.

In seguito, i passeggeri sono stati portati all’aeroporto internazionale José Martí dell’Avana, da dove sono tornati al loro paese con misure di sicurezza sanitaria estreme.

Alla fine di marzo, Cuba ha annunciato che l’ingresso nel territorio nazionale sarebbe stato regolamentato, e per evitare nuove infezioni il Paese avrebbe ricevuto solo residenti, mentre la chiusura totale delle frontiere è arrivata all’inizio di aprile.

Sempre il 24 marzo le lezioni sono state sospese; inizialmente era stato annunciato che il provvedimento sarebbe durato un mese e l’anno scolastico sarebbe ripreso il 20 aprile, ma le condizioni epidemiologiche non lo hanno permesso e l’anno scolastico non è ripreso fino a settembre nella maggior parte delle province del Paese e fino a novembre nella capitale.

Marzo ha portato anche la sfortunata morte del regista Juan Padrón, creatore del cartone animato Elpidio Valdés. Gli omaggi all’artista sono apparsi su tutti i media e hanno riempito i social network.

Nel mese di aprile, seguendo la logica delle misure adottate per prevenire la diffusione di COVID-19, tutti i mezzi di trasporto pubblico urbano sono rimasti paralizzati, comprese tutte le modalità statali e private, misura che è proseguita fino a giugno, quando la maggior parte del paese è entrata nella fase 1 di recupero.

Gli abitanti dell’Avana, che non sono riusciti a riprendersi come il resto del paese, hanno dovuto aspettare fino a luglio per avere di nuovo i mezzi pubblici, e questo è stato sospeso di nuovo in agosto, a causa della ricomparsa della malattia nella capitale.

In questo mese, la quarantena ha portato una serie di iniziative per evitare che le persone abbandonassero le loro case se non costrette, tra queste il lavoro a distanza, l’espansione delle vendite su Internet e i concerti online promossi dal Ministero dei Beni Culturali.

Fuori da Cuba, ma legata al Paese, è stata la notizia che l’ambasciata cubana a Washington D.C. ha ricevuto il 30 aprile un attacco armato da parte di un individuo che ha aperto il fuoco sulla missione, causando danni materiali, fatto che non è stato debitamente ammesso dal governo degli Stati Uniti, e le cui cause – secondo il ministro degli Affari Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla – si basano sulla crescente retorica ostile contro il nostro Paese.

Il primo maggio è stato celebrato a Cuba in modo atipico, poiché i lavoratori cubani hanno celebrato la ricorrenza dalle loro case, mostrando le loro bandiere.

In quel periodo il Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, partecipò al Vertice Virtuale “Uniti contro COVID-19”, convocato dall’Azerbaigian in qualità di presidente del Movimento dei Non Allineati, nella forma del Gruppo di Contatto, composto da rappresentanti delle diverse regioni che compongono il Movimento.

Senatori e membri del Congresso degli Stati Uniti hanno chiesto a maggio che il loro paese collabori con Cuba prima del COVID-19, poiché si tratta di un’emergenza senza precedenti, causata da un virus mortale. A questa richiesta si sono unite organizzazioni di solidarietà di tutto il mondo, mentre intellettuali e attivisti hanno chiesto che la Brigata Henry Reeve sia nominata per il Premio Nobel, nel bel mezzo di una campagna diffamatoria promossa dagli Stati Uniti.

La società statunitense Marriott International ha detto a giugno che avrebbe smesso di operare a Cuba perché il governo degli Stati Uniti non avrebbe rinnovato i suoi permessi. L’unica compagnia alberghiera statunitense che gestisce un hotel nella più grande delle Indie Occidentali, il Four Points Sheraton all’Avana, è così diventata l’ultimo bersaglio delle restrizioni imposte dalla Casa Bianca alle attività economiche e commerciali tra i due paesi.

Nel frattempo, a luglio, un giudice federale di Miami ha respinto una causa intentata da un medico della Florida presso la compagnia di crociere Carnival Corp. per aver fatto affari a Cuba. L’ambasciatore cubano negli Stati Uniti Jose Ramon Cabanas ha condiviso la notizia sul suo account Twitter, osservando che l’attuazione del Titolo III della Helms Burton non ha ancora significato un cambiamento per l’isola.

Per far fronte alle eccezionali condizioni economiche generate dalla pandemia COVID-19 e dall’inasprimento del blocco, nel settimo mese dell’anno Cuba ha approvato un gruppo di importanti misure economiche e sta lavorando alla progettazione e alla realizzazione di altre.

Il 20 luglio è iniziata la vendita di prodotti di fascia media e alta in valuta liberamente convertibile (MLC) nell’ambito della nuova strategia governativa dopo COVID-19, e questa vendita continua in 72 stabilimenti in tutto il paese, 14 nella capitale e almeno due per provincia.

Cuba ha anche deciso a luglio di mantenere il suo status di garante della pace tra il governo colombiano e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia – Esercito del Popolo (FARC-EP), ha annunciato Rogelio Sierra Díaz, vice ministro degli Esteri di Cuba.

Eusebio Leal, storico dell’Avana e uno degli intellettuali cubani più riconosciuti degli ultimi decenni, è morto nel luglio 2020, e la sua perdita è stata pianto da cubani e personalità di tutto il mondo.

In agosto, la buona notizia è arrivata al Paese, quando Cuba ha presentato il suo primo candidato alla vaccinazione, Soberana 01, la cui prima fase è iniziata il 24 di quel mese e si è conclusa alla fine di ottobre.

La prima proposta cubana è stata seguita da Sovrana 02, Mambisa e Abdala, quindi la prognosi è che i cubani avranno la propria medicina profilattica entro il primo semestre del 2021, che soddisfa tutti gli standard indicati dall’OMS.

Come al solito, la stagione degli uragani ha portato diversi effetti nel paese durante quest’anno, anche se non sono stati così significativi come avrebbero potuto essere in un anno di record, in cui si sono formati 31 cicloni tropicali o subtropicali, 30 tempeste nominate, 13 uragani e 6 uragani maggiori.

Isaiah, che si è trasformato in uragano il 30 luglio, non ha toccato il suolo cubano, ma i suoi effetti si sono visti nella regione orientale del Paese, dove si sono registrati forti venti, con raffiche fino a 115 chilometri all’ora alla stazione meteorologica di Jamal a Guantanamo.

Allo stesso modo, Delta, un uragano di grande intensità, aveva una traiettoria che lo separava dal territorio cubano, ma i suoi venti si sono fatti sentire a Pinar del Río, e più di 20 mila persone sono state evacuate, una precauzione che è stata presa insieme ad un’altra serie di misure volte a ridurre i suoi possibili effetti.

Da parte sua, Laura, approdata a Cuba come una tempesta tropicale, ha causato forti piogge e venti in quasi tutto il territorio nazionale, poiché il centro di essa è penetrato attraverso Santiago de Cuba nella notte del 23 agosto, è uscito nel golfo del Guacanayabo e ha toccato di nuovo terra nel sud delle province di Pinar del Río e Artemisa nella notte del 24 agosto.

L’Eta, che è arrivata nel paese a novembre, ha colpito il centro e l’ovest del paese, anche se i danni sono stati principalmente alle colture, e non alle persone o alle infrastrutture direttamente.

A partire dal 1° settembre sono state adottate nuove misure restrittive nella capitale cubana per rafforzare l’isolamento fisico, data la complessa situazione epidemiologica dell’ovest del Paese, e in particolare dell’Avana.

Dopo un mese di misure restrittive volte a rafforzare l’isolamento fisico e sociale, il 30 settembre le autorità della capitale hanno annunciato il ripristino dei servizi e delle attività produttive, pur continuando a insistere sulla disciplina, sulla cura della persona e sulla responsabilità individuale, familiare, istituzionale e comunitaria in ogni momento.

Il mese è stato segnato nel resto del Paese dal ritorno in classe di migliaia di studenti in tutti i settori dell’istruzione, che si sono dedicati a concludere l’anno scolastico 2019/2020, adottando tutte le misure sanitarie possibili per evitare il contagio.

In ottobre si è svolta per la prima volta la sessione dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP), per la prima volta e grazie alle misure di prevenzione contro COVID-19, in modo virtuale.

Durante la quinta sessione ordinaria dell’ANPP, nella nona legislatura, i deputati hanno ricevuto un aggiornamento sulla strategia socio-economica del Paese e hanno approvato la liquidazione del bilancio dello Stato per il 2019. Contemporaneamente, mentre hanno prestato giuramento 20 nuovi deputati e sono state sottoposte all’approvazione la legge sul servizio estero, la legge sull’organizzazione e il funzionamento del Consiglio dei Ministri, la legge sulla revoca dei membri eletti degli organi del potere popolare e la legge sul Presidente e sul Vicepresidente della Repubblica.

Sempre secondo il calendario legislativo, la Sesta Sessione Ordinaria dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP) nella sua Nona Legislatura si è tenuta in videoconferenza, a partire dal 16 dicembre 2020.

A novembre, il Ministero degli Affari Esteri di Cuba ha annunciato che, a causa dell’impatto socioeconomico negativo di COVID-19 a livello mondiale, in particolare quello relativo alla chiusura delle frontiere e alla sospensione dei voli, è stato deciso che i cittadini cubani residenti nel territorio nazionale che si trovano all’estero al momento di questo annuncio potevano tornare a Cuba, in via eccezionale, con il loro passaporto scaduto e senza estensione.

Questo in aggiunta ad altre misure simili che sono state attuate e annunciate durante l’anno in corso, al fine di facilitare il viaggio dei cubani che erano bloccati fuori dal territorio nazionale al momento della chiusura delle frontiere del Paese.

Alla fine dell’anno, il Paese ha annunciato che il processo di ordine monetario sarebbe iniziato a Cuba il 1° gennaio 2021, data in cui la CUC avrebbe cessato di circolare, anche se i cubani avrebbero avuto fino a sei mesi di tempo per cambiare i loro pesos convertibili.

Tra pochi giorni, molti cambiamenti dovranno essere assunti dai cubani, mentre tutte le attività produttive e scolastiche dovranno essere riprese, affinché il Paese possa andare avanti, tutto questo senza dimenticare che c’è una malattia altamente contagiosa per la quale non esiste ancora una cura definitiva.

Il 2020 è stato un anno pieno di eventi, e di momenti che non si potevano evitare: noi cubani abbiamo visto gli aeroporti chiusi per la prima volta, e i trasporti pubblici sospesi; abbiamo affrontato l’anno più sanguinoso del blocco da decenni, ma abbiamo anche vissuto con orgoglio i momenti di gratitudine che il mondo ci ha dato dopo aver offerto generosamente la nostra solidarietà.

Ci vorrà molto tempo perché il mondo dimentichi quest’ultimo anno del decennio, ma per quelli di noi che vivono qui, il compito ora è quello di affrontare il futuro con tutti gli obiettivi che ci aspettano: andare verso la prosperità economica, vaccinare tutti noi contro COVID-19 e lottare insieme per questo progetto comune che chiamiamo Cuba.

Potrebbero interessarti anche...