Díaz-Canel sottolinea la continuità del processo rivoluzionario a Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Miguel Díaz-Canel Bermúdez, Presidente della Repubblica di Cuba, ha sottolineato oggi su Twitter la continuità del processo rivoluzionario iniziato nella nazione caraibica il 1 gennaio 1959 con la vittoria delle truppe ribelli comandate da Fidel Castro.

Una rinnovata libertà. Memoria storica, convinzioni, sentimenti condivisi e continuità, Díaz-Canel ha scritto nel suo racconto sul social network di riferimento, in cui ha inserito un link con un articolo del giornale Juventud Rebelde che informa sulla riedizione della Caravana de la Libertad, integrata dalle nuove generazioni insieme ai combattenti veterani di quell’impresa.

Una tale impresa evoca il percorso di oltre mille chilometri di seguito dal 2 all’8 gennaio 1959 da Santiago de Cuba all’Avana dai membri dell’Esercito Ribelle per confermare in ogni territorio del viaggio la vittoria sulla dittatura di Fulgencio Batista (1952-59) e l’inizio di una nuova tappa per l’isola delle Antille.

“Rimarremo fedeli a Raul, a Diaz-Canel, alla Rivoluzione e al socialismo”, ha detto Rafael Carlos Fong, combattente nella lotta clandestina e nell’esercito ribelle. Il primo segretario del Comitato Provinciale dell’UJC, Geidys Garcia Vaillant, ha confermato: “I giovani della Città Eroica di Cuba sostengono la Rivoluzione e non riconosciamo nessun altro movimento se non quello del 26 luglio.

Il testo pubblicato da Juventud Rebelde, intitolato Libertad renovada (Libertad renovada), sottolinea che “Sono arrivati presto in mezzo a un mare di bandiere, con le sfide e l’impegno in gioco, e l’incrocio tra Trinidad e Avenida de los Libertadores ha recuperato la gioia insolita di quel 2 gennaio 1959”.

Con ammirazione, i barbuti dell’epoca li riconobbero, soddisfatti di sentire come nelle mani del nuovo ci sia un futuro di libertà, perché in un magnifico rinnovamento generazionale la storia ha riacquista il suo splendore e la bella tradizione patriottica è stata mantenuta, nonostante i rigori della pandemia, dice la pubblicazione.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...