L’UNESCO riconosce il lavoro di Cuba nel campo dell’istruzione nel 2020

Print Friendly, PDF & Email

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) ha riconosciuto il lavoro di Cuba nel campo dell’educazione in diverse occasioni nel corso del 2020.

Diversi rapporti pubblicati durante la tappa evidenziano la leadership dell’isola in questo settore, ha riferito il sito web del Ministero degli Esteri Cubaminrex.

I risultati delle politiche educative del governo cubano per garantire un’istruzione inclusiva e di qualità e una copertura del 100% della scuola materna si riflettono nel Rapporto di monitoraggio globale sull’istruzione 2020 (Rapporto GEM 2020).

Il documento ha anche elogiato la flessibilità del sistema educativo della nazione caraibica, che riconosce la diversità e soddisfa le diverse esigenze degli studenti.

Nel frattempo, l’edizione regionale dell’America Latina e dei Caraibi del Rapporto GEM 2020 mette in evidenza le iniziative nelle Grandi Antille che consentono l’inclusione dei bambini con disabilità nei programmi di sviluppo della prima infanzia.

A questo proposito, esempi come il programma Educa a tu hijo, i Centri di Diagnostica e Orientamento e il lavoro della compagnia teatrale per bambini La Colmenita sono stati presentati come contributi del paese, che dimostrano anche il ruolo decisivo dell’arte e della comunità in questi processi.

Il Rapporto di genere del Rapporto GEM 2020 ha anche evidenziato il Programma di educazione sessuale di Cuba, che cerca di rafforzare la formazione degli insegnanti sulla sessualità e la prevenzione dell’HIV e di altre infezioni sessualmente trasmissibili. Questo viene attuato con un’adeguata attenzione al genere e ai diritti sessuali in tutto il curriculum di base, le materie opzionali e gli studi post-laurea.

Un altro riconoscimento è venuto dallo studio comparativo e esplicativo regionale (ERCE 2019), che ha evidenziato lo scopo del sistema educativo cubano, dove gli studenti sono formati in modo completo.

Questa ricerca, coordinata dall’Ufficio Regionale per l’Educazione dell’UNESCO in America Latina e nei Caraibi, ha sottolineato che le scuole dell’isola lavorano per formare studenti riflessivi, critici e indipendenti, in armonia con la famiglia, l’esperienza sociale e la cultura.

Cuba è stata tra i 35 Paesi selezionati per comporre l’Atlante sul diritto all’educazione delle ragazze e delle donne, preparato dall’UNESCO, nell’ambito dell’iniziativa “La tua educazione, il nostro futuro”.

Ha inoltre partecipato attivamente ai forum tenuti per scambiare e unire le forze per affrontare l’impatto del COVID-19 sull’istruzione, con la partecipazione dei Ministeri dell’Istruzione e dell’Istruzione Superiore al più alto livello alle riunioni virtuali convocate dall’UNESCO.

In questo settore, la nazione caraibica ha condiviso le sue buone pratiche ed esperienze, che sono state riconosciute e rese disponibili a tutti i paesi attraverso il sito web dell’organizzazione.

Secondo Cubaminrex, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia, le relazioni tra la più grande delle Antille e l’UNESCO si sono rafforzate. A questo proposito, è degna di nota la visita di diversi direttori nel primo trimestre del 2020, che hanno visto in prima persona il lavoro cubano nelle aree di competenza dell’organizzazione.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

 

Potrebbero interessarti anche...