L’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, condanna energicamente l’inclusione di Cuba nella lista dei paesi patrocinatori del terrorismo

Print Friendly, PDF & Email

L’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, condanna energicamente l’inclusione di Cuba nella lista dei paesi patrocinatori del terrorismo, ad opera dell’Amministrazione Trump e a nove giorni dalla fine del suo mandato.

Gli Stati Uniti non hanno la morale e l’autorità per inserire l’isola nell’elenco dei paesi sponsor del terrorismo.

Cuba è uno stato vittima del terrorismo che è costato la vita di 3.478 persone (tra le quali l’italiano Fabio di Celmo).

E’ un ulteriore vergognoso attacco contro Cuba . Al contrario è proprio dagli Stati Uniti che si continua a istigare il terrorismo contro Cuba.

#Cuba è il Paese più solidale del mondo. Nel bel mezzo di una pandemia continua a inviare medici che salvano vite umane, in tutte le parti del pianeta, mentre gli Stati Uniti rafforzano il blocco e infliggono pesanti sanzioni contro il popolo cubano.

OSSESSIONE NAUSEANTE: IL GOVERNO TRUMP DICHIARA CUBA “STATO PATROCINATORE DEL TERRORISMO”

Gli Stati Uniti hanno annunciato lunedì, a nove giorni dall’uscita di scena del presidente Donald Trump, di aver nuovamente inserito Cuba nella lista nera degli “Sponsor Statali del Terrorismo”, da cui era stata tolta da Barack Obama nel 2015.

Con questo provvedimento, ancora una volta responsabilizzeremo il governo di Cuba e invieremo un messaggio chiaro: il regime castrista deve porre fine al suo appoggio al terrorismo internazionale e alla sovversione della giustizia nordamericana, ha detto il capo della diplomazia nordamericana, Mike Pompeo, in una dichiarazione.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha annunciato la decisione, citando in particolare che Cuba continua ad ospitare i rifugiati statunitensi e a sostenere il leader venezuelano Nicolas Maduro.

Si tratta di un’altra mossa dell’ultimo minuto che l’amministrazione Trump sta facendo prima che Biden entri in carica il 20 gennaio.

Togliere Cuba dalla lista nera è stato uno dei maggiori successi dell’ex presidente Barack Obama in politica estera nella sua ricerca di migliori relazioni con la nazione caraibica, uno sforzo sostenuto da Biden come suo vice presidente. Le relazioni erano praticamente congelate da quando Fidel Castro prese il potere nel 1959.

La decisione sulla lista del terrorismo segue mesi di revisione legale e alcuni esperti governativi si sono chiesti se fosse giustificata, ha detto una fonte a Reuters.

Ci vorranno lunghe delibere legali prima che il Presidente eletto Joe Biden possa revocare la nomina, secondo tale fonte.

Il repubblicano Trump ha adottato misure drastiche contro Cuba sin dal suo arrivo al potere nel 2017, inasprendo le restrizioni sui viaggi e sulle rimesse dagli Stati Uniti e imponendo sanzioni alle spedizioni di petrolio venezuelano verso l’isola.

La politica della linea dura di Trump a Cuba è stata popolare tra la grande popolazione cubano-americana della Florida del Sud, aiutandolo a vincere lo Stato a novembre, anche se ha perso le elezioni contro il democratico Biden, che era il vice presidente di Obama.

Biden ha detto durante la campagna elettorale che avrebbe ribaltato le politiche cubane di Trump che “hanno arrecato danni al popolo cubano e non hanno fatto nulla per promuovere la democrazia e i diritti umani”.

Fonte: Cubadebate

Traduzione: ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI AMICIZIA ITALIA-CUBA

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco Rognoni ha detto:

    SAREBBE DAVVERO INTERESSANTE SE LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE DI AMICIZIA VERSO CUBA CI COORDINASSE PER SCRIVERE UNA LETTERA A BIDEN PERCHÉ POSSA A PIÙ PRESTO RIMUOVERE QUESTO GRAVE SOPPRUSO VERSO CUBA E IL SUO POPOLO E ANCHE UNA LETTERA AL GOVERNO ITALIANO ( AMMESSO CHE DURI) E ALL ‘ UNIONE EUROPEA PERCHÉ SOLLECITI LA RIMOZIONE DA TALE LISTA AL PIÙ PRESTO. GRAZIE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: