Cuba si aspetta di produrre 100 milioni di dosi del suo candidato vaccino Soberana 02

Print Friendly, PDF & Email

Il governo cubano produrrà 100 milioni di dosi del suo vaccino contro il nuovo coronavirus Soberana 02 quest’anno per rispondere alla propria domanda e a quella di altri paesi, ha detto mercoledì uno dei creatori del farmaco.

“Stiamo riorganizzando le nostre capacità di produzione perché abbiamo davvero molta domanda per il vaccino e dobbiamo prepararci”, ha detto il direttore dell’Istituto Finlay Vicente Vérez a un gruppo di giornalisti in una conferenza che includeva un tour del laboratorio dove viene prodotta la sostanza contro il COVID-19.

L’Istituto Finlay ha creato Soberana 02 e Soberana 01, quest’ultima è in una fase meno avanzata della ricerca. Altri centri biotecnologici dell’isola stanno lavorando su altri due candidati vaccini chiamati Abdalá e Mambisa.

I 100 milioni di dosi previste sarebbero solo di Sovereign 02 e ci sono già paesi interessati ad acquisirlo, come Vietnam, Iran e Venezuela, tra gli altri, e con cui l’isola ha accordi di collaborazione, tra cui Pakistan e India, ha detto Vérez.

La seconda parte di una sperimentazione di fase II del prodotto è iniziata questa settimana con 900 pazienti – oltre ai 100 della prima fase – in un policlinico della capitale, ha riferito il giorno prima The Associated Press.

I volontari – un gruppo dei quali ha ricevuto un placebo come parte dello studio, anche se saranno immunizzati con il vero vaccino una volta finito – hanno detto di non aver riportato alcun disagio. Persino alcuni dei vicini del policlinico si sono fatti avanti per fare volontariato come parte del processo.

Dopo le iniezioni, le persone – di età compresa tra 19 e 80 anni – hanno aspettato al policlinico prima di tornare a casa e sono state seguite a 24, 48 e 72 ore.

Vérez ha sottolineato che l’antigene è sicuro, notando che non contiene il virus vivo ma parti di esso, quindi – secondo l’esperto – il suo posizionamento genera immunità ma non provoca grandi reazioni e, quindi, non ha bisogno di refrigerazione supplementare, come altri candidati nel mondo.

Nel frattempo, i ricercatori della Finlay stanno lavorando con paesi come l’Italia e il Canada per verificare l’impatto di questi vaccini – soprattutto Soberana 01- su persone che hanno già avuto il COVID-19 e sono in convalescenza ma sono a rischio di reinfezione. Allo stesso modo, si sta valutando l’efficacia del vaccino contro l’impatto di nuove mutazioni come quella descritta in Gran Bretagna, Giappone o California.

Nelle prossime settimane, la vaccinazione sarà estesa a 150.000 persone sull’isola, ha confermato Vérez, sulla via dell’immunizzazione di massa, e un test sarà condotto nel mese di febbraio per proteggere i bambini con Sovereign 02, ha detto.

Dopo diversi mesi di controllo della pandemia, Cuba ha subito una recrudescenza quest’anno, dopo l’apertura dei suoi aeroporti e nonostante abbia un protocollo sanitario preventivo. Da marzo ad oggi, 19.122 persone sono state infettate e 180 sono morte sull’isola.

Lo scienziato non ha offerto dettagli sul prezzo che il vaccino avrà per la vendita ad altri paesi. A Cuba, il vaccino è gratuito e volontario.

Nonostante sia un piccolo paese, Cuba ha un centro scientifico sviluppato che produce quasi tutti i vaccini di cui ha bisogno e medicine all’avanguardia.

“La strategia di Cuba per commercializzare il vaccino ha una combinazione di umanità e impatto sulla salute e la necessità del nostro sistema di sostenere (finanziariamente) la produzione di vaccino e medicine per il paese”, ha detto Vérez.

“Non siamo una multinazionale dove il ritorno (finanziario) è la ragione numero uno”, ha aggiunto. “Lavoriamo a ritroso, creare più salute e il ritorno è una conseguenza, non sarà mai la priorità”.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: