Mobilitazioni in tutto il Brasile per chiedere l’impeachment di Bolsonaro

Print Friendly, PDF & Email

Partiti politici, sindacati, movimenti sociali e i fronti Brasile Popolare e Popolo Senza Paura hanno organizzato ieri 87 mobilitazioni in tutto il paese per chiedere l’impeachment del presidente Jair Bolsonaro per la sua irresponsabilità di fronte al Covid-19.

Oltre all’impeachment (processo politico) contro gli ex militari, le bandiere di lotta della giornata sono il confronto della crisi sanitaria con la vaccinazione per tutta la popolazione, l’ampliamento delle risorse per il Sistema Sanitario Unificato e la difesa delle misure di allontanamento sociale.

Allo stesso modo, l’opposizione alla crisi economica con la ripresa degli aiuti di emergenza, il programma di tutela dell’occupazione, la lotta contro il tetto di spesa e la riforma amministrativa.

“Terremo mobilitazioni in tutto il paese per difendere il vaccino per tutti, aiuti di emergenza e la lotta per l’impeachment di Bolsonaro. Andiamo alla lotta, organizzando la carovana nella tua città”, ha convocato sul social network Twitter il presidente del Partito dei Lavoratori, Gleisi Hoffman.

Le prime manifestazioni pubbliche per la rimozione del presidente di ultradestra sono iniziate a São Luis, capitale dello stato del Maranhão (nord-est), mentre #ImpeachmentSalvaVidas rimane tra i temi più commentati del giorno sui social network.

Il portale Rede Brasil Atual assicura che la pandemia Covid-19 “ha rivelato il disprezzo dell’attuale governo per la vita”.

Denuncia che Bolsonaro ignora sistematicamente i pericoli del coronavirus SARS-CoV-2, causa del Covid-19, che favorisce l’esplosione di casi e morti in Brasile.

Come risultato, avverte, più di 215 mila morti e 8,5 milioni di infetti. È il paese con il secondo maggior numero di morti causate dall’agente patogeno nel mondo.

Secondo Rede, oltre a minimizzare l’impatto delle perdite umane sulle famiglie e a prescrivere farmaci inefficaci contro il virus che beneficiano solo le aziende di parte, Bolsonaro ha anche adottato una posizione contro i vaccini.

In questo senso, l’ex capitano dell’esercito incoraggia la negazione attaccando la scienza e continua a diffondere bugie sulla malattia.

Ancora una volta, nota il sito web, il sovrano ha messo in discussione l’efficacia del vaccino CoronaVac, sviluppato dal laboratorio cinese Sinovac, e quello della società anglo-svedese AstraZeneca, sviluppato insieme all’Università di Oxford (Regno Unito), entrambi testati dalla scienza contro la malattia.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. Marco Rognoni ha detto:

    Finalmente… togliere un IDIOTA SIMILE alla guida del paese sarà un respiro di sollievo per il Brasile..

  2. Mario Franzil ha detto:

    Auguro vittoria al popolo brasiliano contro il peggior presidente della sua storia!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: