Cuba sottolinea la responsabilità degli Stati per la protezione sociale

Print Friendly, PDF & Email

Bruno Rodríguez Parrilla, ministro degli Affari Esteri di Cuba, ha evidenziato la responsabilità degli Stati con la protezione sociale dei suoi cittadini, e con la fornitura di mezzi per affrontare le crisi e salvare vite umane.

Nel suo account Twitter, il ministro degli esteri cubano ha detto che il mondo sta soffrendo gli effetti della riduzione dei bilanci per la salute, la sicurezza sociale, la ricerca scientifica e la formazione del personale medico.

“Il mondo soffre gli effetti della riduzione dei bilanci per la salute, la protezione sociale, la ricerca scientifica e la formazione del personale medico. Lo stato deve proteggere, regolare e fornire i mezzi per affrontare le crisi, salvare vite e sviluppare programmi di utilità sociale”, ha scritto Rodríguez Parrilla sul social network.

I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mostrano che quasi la metà della popolazione mondiale non ha pieno accesso ai servizi sanitari di base.

Secondo il rapporto The Inequality Virus, dell’organizzazione non governativa OXFAM, nel marzo 2020 i paesi dell’Unione Europea hanno concluso che per dare una risposta adeguata alla pandemia, avrebbero dovuto decuplicare l’attrezzatura che avevano in quel momento.

OXFAM riferisce che quasi il 90% (%) dei paesi del mondo ha subito interruzioni nei servizi sanitari di base durante i primi sei mesi della pandemia.

Le persone più povere, che sono più dipendenti dai sistemi pubblici, sono state costrette a pagare l’assistenza sanitaria privata, indebitandosi e impoverendosi, o mettendo a rischio il loro benessere, aggiunge.

Anche se esistono già dei vaccini per l’immunizzazione, l’OMS ha denunciato all’inizio di quest’anno che solo 10 paesi hanno acquistato il 95% dei farmaci prodotti contro il COVID-19.

Nel frattempo, Cuba, con quattro candidati vaccini in diverse fasi di studi clinici, prevede di immunizzare tutta la sua popolazione, gratuitamente, nel corso del 2021.

Di fronte alla pandemia, Cuba ha anche inviato brigate di professionisti della salute in 40 paesi e territori di tutti i continenti.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: