Il presidente cubano dice che Cuba va avanti tra le complessità

Print Friendly, PDF & Email

Miguel Díaz-Canel Bermúdez, presidente della Repubblica di Cuba, ha detto OGGI che il paese sta andando avanti alla fine di febbraio, un mese che ha descritto come pieno di complessità, ma anche di apprendimento.

Sta per finire febbraio, che è stato un mese pieno di complessità, ma anche di apprendimento. Con tutto l’impeto e l’ottimismo, siamo pronti per l’inizio di marzo, ha scritto il presidente sul suo account Twitter ufficiale.

Servire la patria e il popolo è un impegno e un destino sacro, ha proclamato nel social riferito, parole che hanno accompagnato i tag. Vinceremo! #CubaViva #SomosCuba #SomosContinuidad.

Il Capo dello Stato ha partecipato sabato alla riunione del gruppo di lavoro temporaneo per la prevenzione e il controllo del nuovo coronavirus, che ha analizzato la situazione del Paese in relazione al COVID-19, e dove ha chiamato a non essere fiduciosi e prendere tutte le misure precauzionali per evitare il contagio.

Qui non c’è spazio per la stanchezza o l’accomodamento, dobbiamo continuare a lavorare, e insieme usciremo da tutti i “problemi” che segnano lo scenario attuale del paese, ha detto Diaz-Canel durante l’ultima videoconferenza tenuta dal Palazzo della Rivoluzione con i governatori delle 15 province e il sindaco del comune speciale Isla de la Juventud, per discutere di questioni trascendentali della nazione.

“Continueremo a lottare, continueremo a lavorare, continueremo a vincere”, ha detto ottimisticamente.

Cuba ha annunciato per l’inizio di marzo la fase 3 del candidato vaccino Soberana 02, considerato il più avanzato dei quattro progetti del paese contro la pandemia.

Alla fine della scorsa settimana, l’Instituto Finlay de Vacunas, responsabile del candidato, ha confermato che sono state create le condizioni per l’inizio di questa fase di test.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco Rognoni ha detto:

    Mi stavo chiedendo: NON È POSSIBILE ALL’ INTERNO DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE FARE UNA LETTERA COLLETTIVA ALLA QUALE POTER APPORRE LA PROPRIA FIRMA, PER FARE UN APPELLO AL NUOVO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI PERCHÉ RIVEDA E ELIMINI LE RESTRIZIONI IMPOSTE A CUBA DALLA SCIAGURATA AMMINISTRAZIONE TRUMP ??? SAREI FELICE DI PARTECIPARE…