A Cuba: Patria o Morte! 61 anni dopo la sua proclamazione

Print Friendly, PDF & Email
¡No al Terrorismo!

61 anni dopo il sabotaggio del piroscafo La Coubre, le autorità cubane ratificano oggi lo slogan Patria o morte, proclamato da Fidel Castro dopo quell’atto terroristico.

Il presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha evocato sul social network Twitter il dolore dei cubani per il sabotaggio avvenuto nel porto dell’Avana, che ha causato la morte di quasi 100 persone e la mutilazione di altre 400.

“4 marzo 1960. Un’esplosione, corpi a pezzi, sangue, sirene. Salvataggio, rabbia. Un’altra esplosione, altri corpi, altro sangue, altra rabbia. Quasi 100 morti, 400 mutilati. LaCoubre esplode, Cuba è ferita e domani griderà #PatriaOMuerte #Venceremos”, ha scritto Diaz-Canel.

Da parte sua, il ministro degli Esteri Bruno Rodríguez Parrilla, ha detto nel suo account sulla suddetta rete sociale che questo sabotaggio fa parte della lunga lista del terrorismo di Stato contro Cuba.

Ha detto che la difesa della sovranità e l’eredità dei martiri mantengono il popolo cubano di fronte a un unico dilemma: Patria o morte!
Il vice primo ministro Inés María Chapman Waugh ha anche ricordato le parole del comandante in capo e ha sottolineato l’importanza di non dimenticare la storia.

Il 4 marzo 1960, in una banchina del porto dell’Avana, avvennero due esplosioni: la prima distrusse parte delle stive del piroscafo francese La Coubre, da cui si stavano scaricando munizioni, e poco dopo, la seconda detonazione fece sparire la poppa della nave, causando altri morti tra coloro che erano accorsi in soccorso delle prime vittime.

Alla conclusione dell’atto postumo per i caduti nel sabotaggio, il giorno seguente, Fidel Castro disse: “Ora la libertà significa qualcosa di più. Libertà significa Patria, e il nostro dilemma sarà Patria o morte.

Secondo le cifre ufficiali, il numero di morti a Cuba a causa delle aggressioni statunitensi supera i 3.400.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

3 risposte

  1. Yoslen Hernandez Diaz ha detto:

    ¡¡¡NO TEMÁIS UNA MUERTE GLORIOSA!!
    ¡¡¡QUE MORIR POR LA PATRIA ES VIVIR!!!
    Noi Cubani figli della Rivoluzione per la Patria diamo la Vita.
    Yo Soy Fidel ❤🇨🇺❤🇨🇺Grazie a Fidel siamo CUBA ❤🇨🇺❤

  2. Yoslen Hernandez Diaz ha detto:

    PATRIA o MUERTE VENCEREMOS

  3. Mario Franzil ha detto:

    Dopo tutti questi crimini l’Amministrazione USA
    Dovrebbe fare riparazione di questo togliendo le misure di boicottaggio, restituire il territorio della base di Guantanamo ed instaurare rapporti di amicizia e di rispetto della sovranitaà di Cuba.