Semplicemente Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Non è un’impresa meno che reale che Cuba occupi oggi i titoli di tanti media internazionali, a causa di una verità grande come la sua forza, quella di avere cinque candidati alla vaccinazione, senza altra competizione che battere l’assalto della pandemia.

Poco più di due mesi dopo che la pandemia di coronavirus è entrata a far parte della storia del pianeta, Cuba non aveva registrato alcun caso. È passato solo un anno da quando i primi malati sono apparsi sul territorio nazionale e, da allora, la grande battaglia contro COVID-19 non ha avuto un solo giorno di riposo.

Immagini terrificanti ci sono arrivate dal mondo: ospedali e necropoli crollati; testimonianze desolate, dolore, volti coperti, privazione di baci e abbracci, allontanamento.

Una nave da crociera britannica con persone infette a bordo, che aveva bisogno di raggiungere la terraferma per mandare i malati nel loro paese, è stata respinta da altri governi. Fu allora che Cuba, innamorata della vita, che si offrì per l’operazione che gli altri temevano.

Il mondo non si è sorpreso nel vedere quella toccante immagine che dal ponte della nave da crociera recitava Thank you, Cuba. Tanto meno a noi. Abituati alla solidarietà e alla soddisfazione che provocano le buone azioni, abbiamo visto il gesto con assoluta naturalezza, e quando la pandemia ha segnato i giorni, non ci siamo stupiti nemmeno di certe cose.

Nessuno ha sofferto di spasmi quando ha visto il volto delle nostre istituzioni apparire quotidianamente e parlare al popolo, come si parla ai propri cari. Nessuno dubitava che avremmo garantito – ovviamente, gratuitamente e nelle circostanze economiche più abusive, a causa di un brutale blocco contro il nostro paese – l’assistenza medica a tutti i cubani. Non è stata una sorpresa per nessuno che la Brigata Henry Reeve sia partita per terre lontane per restituire la salute a tanti cittadini del mondo.

Non è un’impresa meno che reale che Cuba occupi oggi i titoli di tanti media internazionali, a causa di una verità grande come la sua forza, quella di avere cinque candidati alla vaccini, senza altra concorrenza che vincere l’assalto della pandemia. Né queste note sono opera del caso.

La magia, forgiata da un uomo che ha pensato a tutto, è durata più di 60 anni. La storia non ci lascerebbe mentire, Fidel vive in essa, costruendo e fondando.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...