L’arresto di Añez e l’interferenza dell’OEA in Bolivia

Print Friendly, PDF & Email

Venerdì scorso sono stati emessi dalla procura boliviana i mandati di arresto per Jeanine Áñez, cinque dei suoi ex ministri e sei capi militari, per il colpo di stato e la conseguente rottura costituzionale prodotta nel novembre 2019. In particolare, Áñez è accusata di sedizione, cospirazione e terrorismo.

Durante gli eventi che del colpo di stato, furono ufficialmente registrati trentasei morti, più di ottocento feriti e circa millecinquecento persone detenute illegalmente e un centinaio di perseguitati. Apparentemente, questi fatti sono irrilevanti per l’OEA (Organizzazione degli Stati americani), che non solo nega l’autoproclamazione di Añez, le morti, le detenzioni illegali, le persecuzioni e i crimini contro l’umanità che sono stati sistematicamente commessi, ma ha anche impedito al popolo boliviano di tornare alle urne per mesi.

Le dichiarazioni dell’OEA e le dichiarazioni del suo segretario generale, Luis Almagro, che chiedono la liberazione degli autori del colpo di stato dimostrano le intenzioni latenti di continuare a intervenire negli affari interni della regione a favore di interessi stranieri e a scapito del rafforzamento delle democrazie latinoamericane e dell’integrazione dei loro popoli. Questi ultimi due sono stati gli obiettivi della cooperazione che lo Stato argentino ha fornito nella sua chiara vocazione al dialogo e alla leadership regionale attraverso le azioni di avvicinamento e collaborazione del nostro presidente Alberto Fernandez con Evo Morales.

La politica dell’Argentina verso la Bolivia è e sarà in difesa della democrazia e dell’autonomia regionale. A questo proposito, bisogna ricordare che la grave crisi dei diritti umani causata dal colpo di stato antidemocratico nel fratello Stato Plurinazionale della Bolivia è stata guidata, tra gli altri attori, dalle persone contro le quali questi mandati di arresto sono stati diretti.

Allo stesso modo, la Commissione Interamericana dei Diritti Umani della stessa OEA, ha potuto verificare nella sua missione in Bolivia nel 2019 le numerose prove e denunce di vittime, parenti e organizzazioni durante la repressione del governo di Áñez.

Con il tempo è stato dimostrato che la rottura costituzionale guidata da Áñez ha cercato di basarsi su un’accusa di frode elettorale contro Evo Morales e Álvaro García Linera, che non poteva essere provata e le indagini successive hanno dimostrato che non esisteva. Tutto questo è stato dimostrato quando il governo di Áñez ha aumentato la sua mancanza di legittimità e il popolo è sceso in strada, dove è stato sottoposto a una feroce repressione.

Jeanine Áñez era il volto visibile degli interessi che hanno attaccato la democrazia in Bolivia e nella regione, provocando un colpo di stato che ha provocato morti, sparizioni e anni di buon governo persi. Non era un presidente ad interim, ma uno de facto. E ora dovrà rispondere alla giustizia. Evidentemente, il popolo boliviano l’ha già giudicata.

In questo contesto, la Camera dei Deputati della Nazione sta lavorando ad un progetto di legge per ripudiare il grave comunicato emesso dall’OEA, un’organizzazione multilaterale che dovrebbe lavorare per il consenso e la protezione dei diritti e delle libertà individuali, così come per garantire le determinazioni degli Stati della regione nel loro funzionamento interno.

Il nostro dovere, come repubblica democratica, come difensori dei diritti umani e credenti nell’integrazione dei nostri popoli e nello sviluppo autonomo, è di appoggiare e rafforzare le decisioni dei governi della regione contro le interferenze esterne e a favore delle nostre società.

di Carolina Moisés – Deputata nazionale del Frente de Todos di Jujuy

Fonte: Página|12

Potrebbero interessarti anche...