Intervista alla dottoressa Maria Caridad Rubio Hernandez sul controllo del cancro a Cuba

Print Friendly, PDF & Email

La dottoressa Maria Caridad Rubio Hernandez, responsabile del Programma Nazionale di Controllo del Cancro a Cuba del Ministero della Salute Pubblica (Minsap), visita oggi la redazione digitale dell’Agenzia Cubana di Notizie, per rispondere in un’intervista online alle domande su questo insieme di malattie correlate.

#1 Fe: C’è stato un aumento del numero di malati di cancro a Cuba negli ultimi anni?

Sì, a Cuba, come nel resto del mondo, il cancro ha aumentato la sua incidenza.
2015 – 43.677 casi
2016 – 42.612 casi
2017 – 44.144 casi
2018 – 44.357 casi
2019 – 41.492 casi

Il numero di casi entro il 2030 è stimato a 52077.

#2 Maria: È possibile curare alcuni tipi di cancro? Quali e con quale trattamento?

Alcuni tipi di cancro sono curabili, il miglior esempio è il cancro della pelle, che è la prima causa di incidenza a Cuba per entrambi i sessi. Molti sono controllabili e raggiungono un tasso di sopravvivenza superiore all’80%; la maggiore possibilità di controllo o di cura esiste per coloro che ottengono una diagnosi nelle fasi iniziali e un trattamento tempestivo. I trattamenti sono diversi, ma la maggior parte include la chirurgia, la chemioterapia, la terapia ormonale e l’immunoterapia.

#3 Osmel: Chi soffre di più il cancro, gli uomini o le donne?

In generale gli uomini soffrono di più di cancro rispetto alle donne; alcuni tipi come il cancro al seno è il contrario, solo l’1% è sofferto dagli uomini.

A Cuba nel 2019, 25.561 pazienti maschi hanno ricevuto una diagnosi di cancro e 22.521 pazienti femmine.

Il tasso di incidenza del cancro è di 224, 7 per 100.000 abitanti.

#4 Felicia: Si parla di vaccini terapeutici cubani contro il cancro, quali mostrano la maggiore efficacia finora e contro quale tipo di tumore?

Cimavax e racotumumab sono registrati a Cuba per il carcinoma al polmone non a piccole cellule, con provata efficacia dimostrata nell’aumentare la sopravvivenza dei pazienti.

#5 Luis B.: Se un uomo di 70 anni ha la prostata ingrossata o allargata, questo indica che è in una fase pre-cancerosa o sulla strada per svilupparla?

Non necessariamente; ma una prostata ingrossata deve sempre essere valutata da specialisti che possono eseguire gli studi necessari per escludere se si tratta di un’entità benigna o maligna.

#6 Felipa: Qual è la percentuale approssimativa di test citologici a Cuba che sono positivi? A quale stadio del cancro può essere rilevato dal test citologico?

Alla chiusura statistica del 2019, 826.663 test citologici sono stati eseguiti a Cuba, 882 di loro erano positivi, questi rilevano il cancro nelle fasi iniziali (0 e 1).

Il test citologico è di grande importanza e stiamo realizzando studi per l’introduzione del test HPV, un’infezione virale che è presente in più del 90% delle pazienti con cancro cervico-uterino.

#7 Raúl González: Pensa che ci sia una cultura a Cuba per la prevenzione dei diversi tipi di cancro? Quali raccomandazioni può fare a questo proposito

Nella strategia disegnata a Cuba, la prevenzione è una priorità, è realizzata a partire dalla conoscenza dei rischi per tipo di cancro e in relazione alle caratteristiche della popolazione cubana. La conoscenza generale su questo tema può essere aumentata attraverso tutti i canali possibili, compreso il sistema educativo cubano.

#8 Raudel: In che posizione si trova Cuba rispetto al mondo nel trattamento del cancro e quali sono i suoi risultati per il suo confronto?

Al momento possiamo dire che a Cuba applichiamo trattamenti paragonabili al mondo, tra il 2014 e il 2019 l’attrezzatura è stata notevolmente migliorata.

L’aggiornamento delle risorse umane è mantenuto in scenari nazionali e internazionali.

#9 Waldemar Rosa: Quale tipo di cancro è più frequente nei bambini e quanti progressi sono stati fatti nel suo trattamento?

I tumori più frequenti sono le leucemie, i linfomi e i tumori del sistema nervoso centrale. A Cuba, il trattamento del cancro nei bambini è una priorità; ci sono tecnologie e medicine disponibili per un trattamento che è paragonabile al resto del mondo.

#10 Delia Gámez: Le donne che hanno allattato i loro figli soffrono di più di cancro al seno rispetto a quelle che non l’hanno fatto?

L’allattamento al seno è considerato benefico nella prevenzione del cancro al seno.

#11 Rosa Fernández: Può un uomo avere il cancro al seno?

Sì, l’incidenza a Cuba è dell’1%, in media. Un numero significativo di questi casi viene diagnosticato in uno stadio avanzato, perché molti uomini non lo sospettano e arrivano tardi a farsi visitare dagli specialisti.

#12 Rocío de la Cruz: Quanto può vivere una persona con il cancro dopo aver ricevuto la chemioterapia e la radioterapia?

Il tempo di sopravvivenza è variabile, dipende dal tipo di cancro, dallo stadio in cui viene diagnosticato, dalla risposta individuale ai trattamenti e dalle comorbidità, cioè le malattie associate che permettono l’uso ottimale di tutte le armi terapeutiche.

#13 Piedad Solá: Sosterrebbe l’applicazione dell’eutanasia in casi gravi di cancro terminale per evitare più sofferenza alla persona colpita, se questo fosse sottoposto a consultazione a Cuba, o pensa che questa decisione vada contro l’etica medica? C’è un dibattito avanzato a Cuba su questo argomento?

L’eutanasia non è una pratica approvata a Cuba. La fase terminale di una malattia, (cancro o no), dovrebbe essere trattata in modo tale che il paziente riceva un trattamento adeguato in relazione ai sintomi presenti in quel momento, evitando l’accanimento terapeutico e garantendo una morte dignitosa.

#14 La Mora: 20 anni fa le donne si sottoponevano alla chirurgia radicale del seno anche quando il nodulo maligno era piccolo. Oggi si fanno i quadranti, la chirurgia è più conservativa. Cosa pensa di questo e pensa che sia conveniente non fare la chirurgia radicale, anche se questo eliminerebbe ogni possibilità di una nuova crescita di cellule maligne?

Sono stati condotti numerosi studi in tutto il mondo che hanno dimostrato che eseguire una mastectomia non è superiore a una quadrantectomia in termini di sopravvivenza.

La mastectomia radicale ha le sue indicazioni specifiche, tra le quali possiamo considerare, il rapporto tra la dimensione del tumore e la dimensione del seno, che permette una chirurgia conservativa con margini di tessuto sani ed esteticamente accettabili, l’esistenza di più siti tumorali nel seno, l’impossibilità di ricevere la radioterapia come complemento alla chirurgia conservativa, l’impossibilità di un adeguato follow-up e il rifiuto della paziente espresso dal consenso informato.

#15 Manolito García: Quanti progressi sono stati fatti nel trattamento e nel controllo della leucemia a Cuba, nei bambini e negli adulti?

Abbiamo le medicine, le attrezzature e le risorse umane preparate per ottenere il miglior trattamento della leucemia a Cuba, con un alto tasso di sopravvivenza.

La leucemia linfoide acuta è la più frequente, rappresentando il 75% di tutte le leucemie e il 23% di tutte le diagnosi di cancro nei bambini sotto i 15 anni di età. A Cuba ci sono trattamenti adeguati per la cura delle leucemie. Ha una prognosi favorevole, abbiamo servizi di oncoematologia che assistono tutti i pazienti in modo regionalizzato e con istituzioni nazionali di riferimento, abbiamo studi molecolari e citogenetici per individuare i trattamenti e ottenere una maggiore efficacia.

#16 Idania S.: Ci sono servizi di oncologia in generale e di oncologia pediatrica in particolare in tutte le province, e quali sono più sviluppate nel loro trattamento, dopo la capitale?

Ci sono 42 servizi di oncologia nel paese, 9 servizi di radioterapia, 9 servizi oncopediatrici e 25 servizi di medicina nucleare.
C’è una regionalizzazione per l’accesso e ci sono anche due istituzioni nazionali di riferimento (Istituto Nazionale di Oncologia e l’Ospedale Clinico Chirurgico “Hermanos Amejeiras”).

#17 Hildelisa: I “medici di famiglia” sono preparati a rilevare un tipo di cancro nell’ufficio del medico?

Sì, i medici di famiglia hanno gli strumenti necessari per l’individuazione di possibili casi di cancro; guidano il paziente attraverso il sistema fino alla conferma istologica del cancro e al trattamento a livello secondario e terziario a seconda dei casi.

#18 Josefa E. Fernández: Qual è la prognosi del cancro al seno a Cuba e nel mondo?

Molto favorevole a Cuba, si raggiunge un tasso di sopravvivenza a cinque anni del 78%, paragonabile al mondo.

#19 Josefa E. Fernández: In che misura il blocco statunitense influisce sul trattamento e sul controllo del cancro a Cuba?

L’impatto economico del blocco ha colpito tutti i settori della società, compresa la salute. I trattamenti utilizzati per il cancro sono costosi e a volte non possiamo averli e dobbiamo portarli attraverso paesi terzi, aumentando i loro costi e ritardando il loro arrivo nel paese. Tuttavia, si stanno facendo grandi sforzi per mitigare questo impatto, abbiamo professionisti altamente qualificati e Cuba ha attrezzature e tecnologie paragonabili a quelle dei paesi sviluppati.

#20 Elida Santiesteban: Qual è la percentuale approssimativa di test citologici a Cuba che sono positivi? A quale stadio del cancro può essere rilevato attraverso il test citologico? Può affermare che si salvano delle vite grazie alla realizzazione di questo tipo di studi a livello di assistenza sanitaria di base?

Nell’ambito del controllo del cancro della cervice uterina, vengono eseguiti test citologici nell’assistenza sanitaria di base su donne tra i 25 ei 64 anni, ogni tre anni.

L’annuario statistico del 2019 riporta che sono stati eseguiti 826.663 test citologici, di cui 882 positivi.

Sul totale dei casi positivi, il 79,7% viene diagnosticato in stadi precoci (0 e 1), quindi possiamo affermare che si tratta di un test efficace, in cui le cure primarie giocano un ruolo importante nel controllo del cancro cervicale.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...