Newsweek affronta le sfide nei legami tra Stati Uniti e Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Anche se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha precedentemente riconosciuto il danno inflitto ai cubani comuni dalle politiche fallimentari di Washington contro l’isola, un processo di revisione sulla questione rimane oggi ai margini delle sue priorità.

Così dice la pubblicazione statunitense Newsweek nel suo articolo “Tra il silenzio, Cuba chiede a Biden di porre fine al crudele blocco che anche lui voleva cambiare”.

Secondo Newsweek, Biden ha riconosciuto il danno inflitto ai cubani e durante il suo periodo come vicepresidente del paese, ha parlato a sostegno degli sforzi di Barack Obama per allentare le restrizioni ai viaggi e al commercio con la più grande delle Antille.

Inoltre, nella sua campagna presidenziale ha promesso di invertire la strategia di Donald Trump e ha detto che avrebbe cercato di invertire le politiche contro l’isola caraibica guidate dal magnate repubblicano.

Ma mentre la Casa Bianca sta spingendo per una revisione in questo settore, finora non ci sono contatti ad alto livello tra i due paesi.

Questo è ciò che ha spiegato a Newsweek Carlos Fernández de Cossío, direttore della Divisione Generale del Ministero degli Esteri cubano per gli Stati Uniti.

L’amministrazione Biden ha dichiarato pubblicamente che sta effettuando questa revisione, ma il mio paese non conosce il vero ritmo e la portata di questo processo, ha detto.

Durante gli ultimi quattro anni, sono state adottate più di 240 misure coercitive contro Cuba, di cui 55 sono state attuate nel contesto della pandemia Covid-19, ha detto.

Questo ostacola e complica l’acquisizione delle forniture necessarie per affrontare la crisi sanitaria, con la chiara intenzione di aggravare lo scenario economico e sociale cubano, ha sottolineato.

Tali misure, ha sostenuto, danneggiano le relazioni bilaterali, ostacolano lo sviluppo economico del paese caraibico e i loro effetti incidono inevitabilmente sulla vita quotidiana del popolo cubano in tutti i settori.

Nel frattempo, la politica “crudele e senza alcun fondamento morale” del blocco statunitense, intensificata dall’amministrazione Trump, persiste, ha aggiunto il diplomatico cubano.

Per mantenere questa politica, Washington ha fatto ricorso all’inganno, alla distorsione della verità, all’occultamento di informazioni e alla manipolazione, ha detto.

L’amministrazione Trump ha interrotto gli scambi politici bilaterali, il dialogo ufficiale e la cooperazione tra i due paesi basata su interessi e benefici reciproci con risultati positivi riconosciuti da entrambe le parti, ha detto Fernández de Cossío.

Ha anche respinto l’inclusione di Cuba nella lista unilaterale di Washington di presunti paesi sostenitori del terrorismo, una delle ultime azioni spinte da Trump.

Cuba non è uno sponsor del terrorismo internazionale, né rappresenta una minaccia per gli Stati Uniti, ha sottolineato.

In realtà, ha aggiunto, il mio paese è vittima del terrorismo, “un flagello che per decenni è stato organizzato, finanziato e perpetrato dal governo degli Stati Uniti, o da individui e organizzazioni con sede nel suo territorio”.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: