BioCubaFarma denuncia l’impatto del blocco sull’industria biofarmaceutica

Print Friendly, PDF & Email

Il gruppo imprenditoriale dell’industria biofarmaceutica di Cuba (BioCubaFarma) ha denunciato su Twitter l’impatto sul settore del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti.

L’istituzione cubana ha sottolineato che la politica unilaterale di Washington ha causato un aumento del costo delle dorniture necessarie per lo sviluppo dei cinque candidati vaccini anti-Covid-19, poiché devono acquisirli attraverso terzi.

BioCubaFarma riferisce che i fornitori abituali si sono rifiutati di fornire questi materiali per paura dell’impatto della brutale politica di blocco contro le loro aziende.

In un altro messaggio, precisa che gli effetti sono anche palpabili nell’acquisizione di materie prime, pezzi di ricambio e forniture per garantire i farmaci del Sistema Sanitario Nazionale, oltre ai progetti di ricerca.

“La persecuzione finanziaria a cui il governo degli Stati Uniti sottopone Cuba, con l’applicazione del blocco economico, commerciale e finanziario limita le operazioni e lo sviluppo dell’industria biofarmaceutica che fa scienza per una vita sana.
#NoMasBloqueoACuba”, dice un altro tweet.

Solo tra aprile 2019 e marzo 2020, un periodo segnato dall’inasprimento dell’assedio statunitense, l’industria biofarmaceutica cubana ha riportato danni nell’ordine di 161 milioni di dollari.

Secondo il rapporto di Cuba sugli effetti del blocco durante il periodo, l’intensificazione di questa politica non solo limita lo scambio accademico e scientifico, ma priva anche il popolo degli Stati Uniti dal ricevere i benefici dei prodotti biotecnologici e farmaceutici sviluppati nell’isola, che hanno riconoscimento internazionale.

Per esempio, l’Heberprot-P, sviluppato dal Centro de Ingeniería Genética y Biotecnología (CIGB), è l’unico farmaco di questo tipo al mondo per il trattamento delle ulcere del piede diabetico, e non può essere esportato negli Stati Uniti a causa dell’assedio del suo stesso governo.

Nell’ipotesi che solo l’otto per cento dei pazienti statunitensi che sviluppano un’ulcera complessa ogni anno utilizzando questo farmaco, Cuba avrebbe guadagnato nel 2019 circa 114 milioni 912 mila dollari per questo concetto, afferma il rapporto.

Secondo le cifre ufficiali, da aprile 2019 a marzo 2020, il blocco ha causato a Cuba perdite nel settore sanitario per circa 160 milioni 260.880 dollari.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: