Cuba denuncia le misure coercitive di Donald Trump

Print Friendly, PDF & Email

L’attuale governo degli Stati Uniti continua ancora oggi senza modificare più di 200 azioni punitive contro Cuba, ha affermato il direttore del Centro di Ricerche di Politica Internazionale (CIPI), José Ramón Cabañas.

Sulla pagina Facebook di quell’istituzione l’accademico cubano ha ricordato che 55 di quelle azioni prese dal governo del presidente Donald Trump, e oggi in vigore, furono decise nel mezzo della pandemia Covid-19.

Un articolo di Cabañas sottolinea che tutte queste misure erano destinate a provocare il crollo della società cubana.

Nessuna di queste è stata modificata, e dopo 100 giorni nell’attuale amministrazione, vale la pena di chiedersi se la filosofia di quelle misure è alla fine condivisa”, si è chiesto l’ex ambasciatore cubano a Washington.

Cabañas ha riconosciuto che il presidente Joe Biden durante la campagna presidenziale ha detto esplicitamente di essere contrario a causare tali danni al popolo di Cuba. Ma lo stesso ha fatto Trump prima del 2016 e, tuttavia, ha poi cambiato la sua posizione sotto l’influenza dei manipolatori di voti della Florida, ha osservato.

L’esperto ha sottolineato che ci sono ripetuti appelli della società civile statunitense, del Congresso, delle ONG e di altre istituzioni, riguardo alla revisione della politica verso Cuba.

“Ciò non è avvenuto, e quindi è in vigore la direttiva presidenziale NSPM-5 intitolata Rafforzare la politica degli Stati Uniti nei confronti di Cuba del 16 giugno 2017, che ha annullato un documento simile firmato da Barack Obama il 14 ottobre 2016”, ha affermato il direttore di CIPI.

Ha aggiunto che l’inclusione di Cuba nella lista delle nazioni che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo è stata un’imposizione dell’ultimo minuto di Trump per rendere più difficile la ricomposizione dei legami bilaterali.

A questo proposito, ha assicurato che diverse agenzie statunitensi sanno che la nazione caraibica non sponsorizza il terrorismo.

“La decisione di togliere Cuba dalla lista è stata a lungo ritardata, nonostante il fatto che la precedente amministrazione avesse preso tale decisione ignorando tutte le procedure interne per farlo”, ha sottolineato.

Nel suo articolo, Cabañas afferma che il suo paese è stato vittima di atti terroristici organizzati e finanziati dal territorio statunitense e oggi continua ad essere sotto il blocco, che è stato convertito in legislazione dalla Legge Helms-Burton (1996).

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: