Chi ha partecipato e finanziato lo spettacolo di Obispo Street?

Print Friendly, PDF & Email

I media cubani hanno denunciato oggi nuove provocazioni volte a minare l’ordine interno come parte della strategia promossa dagli Stati Uniti per sovvertire il processo rivoluzionario nell’isola.

Denunciati nuovi tentativi di destabilizzazione contro Cuba

L’Avana, 1 maggio (Prensa Latina) – I media cubani hanno denunciato ieri nuove provocazioni volte a minare l’ordine interno come parte della strategia promossa dagli Stati Uniti per sovvertire il processo rivoluzionario nell’isola.

La televisione nazionale ha riportato i dettagli di uno spettacolo messo in scena venerdì da una dozzina di persone nel quartiere dell’Avana Vecchia della capitale con il pretesto di andare a casa del controrivoluzionario Luis Manuel Otero Alcántara.

L’obiettivo era quello di chiedergli di desistere dallo sciopero della fame che presumibilmente sta facendo da una settimana.

Seguendo le linee guida del manuale di guerra non convenzionale delle forze armate statunitensi, i provocatori si sono posizionati vicino a una coda per garantire la presenza del pubblico, ha detto il dispaccio.

Secondo la fonte, il principale protagonista di questa azione è stato ammonito per comportamento antisociale e perseguito per i reati di attività economica illecita, ricezione, furto, appropriazione indebita e rapina con violenza contro le persone, tra gli altri.

Il servizio televisivo ha rivelato anche una conversazione telefonica in cui un cubano residente a San Antonio, Texas, offre denaro ad altre due persone che partecipano a questi eventi per garantire l’appoggio delle azioni.

Ha anche denunciato che le stazioni televisive di Miami hanno manipolato l’incidente per presentarlo come una dimostrazione di clamore popolare e accusare le autorità di violare i diritti civili.

Gli specialisti e i media sono d’accordo che la ricerca di reazioni dentro e fuori Cuba, l’uso delle reti sociali per incitare alla disobbedienza civile e la diffusione di notizie false fanno parte del copione del golpe morbido contro l’isola.

Gli Stati Uniti hanno recentemente riferito di aver speso più di 261 milioni di dollari in progetti di sovversione contro l’isola dal 1990 a quest’anno.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: