Cuba chiede agli Stati Uniti di togliere il blocco e altre misure coercitive

Print Friendly, PDF & Email

Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez ha chiesto oggi agli Stati Uniti di eliminare il blocco imposto al suo paese da quasi sei decenni e le oltre 240 misure applicate dal precedente governo.

Attraverso il suo account ufficiale di Twitter, il ministro degli Esteri ha anche esortato il segretario di Stato americano Antony Blinken a ripristinare i servizi consolari e il ricongiungimento familiare.

Se Blinken fosse interessato ai diritti umani dei cubani, toglierebbe il blocco economico e le 243 misure applicate dal governo precedente, in vigore oggi in piena pandemia di Covid-19″, ha scritto.

Sempre su questa piattaforma, il vicedirettore generale per la regione nord del Ministero degli Esteri dell’Avana, Johana Tablada, ha chiesto che il funzionario elimini “la designazione fraudolenta di Cuba come sponsor statale del terrorismo” nella lista unilaterale elaborata dalla Casa Bianca.

Secondo l’autorità delle Antille, questa inclusione “compromette la serietà e la credibilità politica del nuovo governo degli Stati Uniti e ha imposto nuove misure di abuso alla popolazione cubana”.

Il giorno prima Blinken, alla 51a conferenza del Consiglio delle Americhe, ha detto che gli Stati Uniti continueranno a difendere quelli che ha descritto come i diritti del popolo dell’isola.

Il blocco è considerato a Cuba una massiccia violazione dei diritti umani e il principale ostacolo allo sviluppo economico e sociale della nazione caraibica.

I danni accumulati in sei decenni dall’applicazione della politica ammontano a 144 miliardi 413 milioni di dollari, e tra aprile 2019 e marzo 2020, l’aggressione statunitense ha causato perdite nell’ordine di cinque miliardi 570 milioni di dollari, una cifra record per un anno.

L’ostilità si è intensificata sotto la presidenza di Donald Trump (2017-2021), con quasi 240 misure coercitive e l’inclusione di Cuba nella lista di Washington dei presunti paesi sponsor del terrorismo.

Queste azioni punitive rimangono in vigore sotto l’attuale amministrazione del presidente Joe Biden.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: