Il governo cubano respinge la violenza contro i manifestanti in Colombia e ribadisce l’impegno per la pace

Print Friendly, PDF & Email

Cuba mercoledì ha espresso il suo rifiuto dell’uso indiscriminato della violenza contro i manifestanti colombiani, protagonisti dell’ottavo giorno di sciopero nazionale in difesa dei loro diritti.

Il ministero degli esteri di questa nazione ha condiviso sul suo account Twitter il messaggio del direttore per il Sud America, Jorge Luis Mayo, che sottolinea che l’uso della forza ha causato la dolorosa perdita di vite umane e centinaia di feriti.

“Ribadiamo il nostro impegno per la pace in Colombia e le giuste aspirazioni del suo popolo”, sottolinea il diplomatico.

Diverse organizzazioni della società civile cubana hanno espresso la loro solidarietà con le vittime degli atti violenti nella nazione sudamericana e con i manifestanti.

La Central de Trabajadores de Cuba, che riunisce tutti i sindacati del paese, i Comitati per la difesa della rivoluzione, un’organizzazione comunitaria, e il Movimento cubano per la pace e la sovranità dei popoli sono alcune di queste istituzioni.

Anche l’Associazione Cubana delle Nazioni Unite, un’entità che comprende più di cento gruppi della società civile dell’isola, e l’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP) hanno aderito.

Il popolo colombiano chiede i suoi giusti diritti. La Colombia e il suo popolo meritano un paese giusto, dignitoso e pacifico”, ha detto l’ICAP in una dichiarazione rilasciata il giorno prima.

Mercoledì, l’Istituto colombiano per lo sviluppo e gli studi sulla pace ha confermato 31 morti durante lo sciopero nazionale, mentre stima in 1.220 il numero di feriti, 87 dispersi e 18 persone con ferite agli occhi a causa della violenza della polizia nella nazione sudamericana.

Di fronte a questo scenario, anche l’Alleanza Bolivariana per i Popoli della Nostra America ha espresso la sua condanna.

Dal 28 aprile, diverse città della Colombia hanno registrato proteste contro la riforma fiscale proposta dall’amministrazione del presidente Iván Duque, che sono state duramente represse dalle forze dell’ordine.

Anche se il governo ha annullato il piano, i gruppi nelle strade hanno detto che non vinceranno la battaglia “fino a quando non sarà ritirato l’intero pacchetto”, che comprende le riforme del lavoro, della sanità e delle pensioni.

Tuttavia, di fronte alla violenza, gli scioperanti hanno avvertito che continueranno fino a quando Duque si dimetterà e il governo smilitarizzerà le città e renderà giustizia ai morti, feriti e detenuti durante queste mobilitazioni.

L’allarme è stato lanciato di nuovo mercoledì, quando diverse voci in Colombia hanno messo in guardia sulla possibile dichiarazione dello stato di agitazione interna, attraverso un decreto che permetterà al governo di formalizzare la repressione.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it


Un video fondamentale che consiglio vivamente. Da non perdere.

“Cosa sta succedendo in Colombia – SCIOPERO NAZIONALE“.

Oggi diamo voce a Vilma Rocío Almendra Quiguanás, figlia del popolo Nasa e Misak del Cauca e a Manuel Rosental della Colombia per spiegare cosa sta succedendo nel territorio nazionale colombiano. Per favore, aiutateci a diffondere la parola!

Página web con toda la información: https://fabianbernalviviendoenbarcelo… Suscripción por Email: http://bit.ly/suscripcionMail Latinos en España Facebook ⇨ http://bit.ly/2vgcyNB Chatea conmigo en Telegram: https://t.me/LatinoamericanosporelMundo

Fonte: Patria Grande

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: