Relazioni USA-Cuba: una questione di priorità o validità trumpista?

Print Friendly, PDF & Email

La validità oggi delle più di 240 misure coercitive imposte dal governo di Donald Trump contro Cuba fa sembrare che l’amministrazione di Joe Biden manchi di una politica propria verso la nazione caraibica.

Con l’argomento che Cuba non è una priorità, l’approccio trumpista persiste in pratica nel danneggiare il più possibile l’isola e i suoi abitanti, e nel porre tutti gli ostacoli possibili per un ritorno ai legami bilaterali.

Questo include l’inasprimento senza precedenti del blocco applicato per più di 60 anni, i cui effetti causano perdite record a Cuba.

Basti dire che di tutte le decisioni anticubane dell’era Trump, 55 di queste azioni sono state imposte durante il periodo di Covid-19, il che esemplifica l’intento criminale della politica statunitense in vigore oggi.

Fanno parte del quadro dell’assedio che incide sulla vita dei cubani e si conferma come il principale ostacolo allo sviluppo e all’obiettivo di raggiungere la prosperità e il benessere.

Il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti è il più lungo affronto sostenuto nel tempo contro i diritti umani di un popolo e costituisce, per i suoi effetti, un crimine contro l’umanità.

Così lo ha definito il primo segretario del Partito Comunista di Cuba, Miguel Díaz-Canel, nel suo discorso di chiusura dell’ottavo congresso di questa organizzazione il 19 aprile.

Nell’occasione il presidente della Repubblica ha sottolineato che insieme alle misure di Trump si aggiungono le punizioni derivanti dalla reinclusione del suo paese nella “lista spuria e arbitraria del Dipartimento di Stato sui paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo”.

La decisione di togliere Cuba da quella lista è stata a lungo ritardata, nonostante il fatto che la precedente amministrazione ha preso tale decisione ignorando tutte le procedure interne per essa, ha detto l’ex ambasciatore della nazione delle Antille a Washington, José Ramón Cabañas, in un recente articolo pubblicato su Facebook.

Nessun funzionario o politico statunitense di questo o di qualsiasi altro paese può dire senza essere falso che Cuba sponsorizza il terrorismo, ha confutato Díaz-Canel e ha aggiunto: ‘Siamo un paese vittima del terrorismo, organizzato, finanziato ed eseguito nella maggior parte dei casi dagli Stati Uniti’.

Indubbiamente, Cuba continua ad essere il bersaglio del potente vicino del nord, e dato il costo umano dell’invariabile ostilità verso l’isola delle Antille, ci si potrebbe chiedere se l’attuale governo condivide la visione e le azioni dell’amministrazione Trump contro l’Avana.

Questo è ciò che si domanda Cabañas, che ha rimarcato la permanenza delle azioni di Trump contro il suo paese.

Nessuno di questi è stato rettificato e alla distanza di 100 giorni nell’attuale amministrazione vale la pena chiedersi se alla fine la filosofia di tali misure è condivisa”, ha detto.

E questo solleva altre domande sulle questioni che devono essere affrontate nello sforzo di riparare le relazioni tra Washington e l’Avana.

Perché ci sono leggi come la Legge Torricelli o la Legge Helms-Burton che cercano di controllare il destino di Cuba e impedire i suoi legami commerciali con il mondo?

A questo proposito, il massimo leader cubano ha chiesto al congresso del PCC perché Washington dedica “centinaia di milioni di dollari per cercare di sovvertire l’ordine costituzionale a Cuba”, se questo paese non è una priorità per Biden.

Cosa giustifica una guerra economica crudele e incessante per più di 60 anni? Perché pagano il prezzo dell’isolamento internazionale, evidenziato nelle Nazioni Unite e in altri forum internazionali, mantenendo una politica moralmente e legalmente insostenibile? sono state altre domande espresse dal presidente.

I segnali dell’Avana, al contrario, erano chiari nell’intenzione di riprendere il cammino delle relazioni sulla base dell’uguaglianza, del rispetto reciproco e senza interferenze.

Questa è la posizione del Partito e dello Stato. È la volontà del nostro popolo, ha detto Diaz-Canel nel suo discorso, che ha anche espressamente menzionato la volontà di cooperare con gli Stati Uniti in aree che Washington dichiara come priorità della sua politica estera.

Questi includono la lotta contro il cambiamento climatico; la lotta contro le minacce sanitarie, compresa la pandemia di Covid-19; la promozione dei diritti umani e le questioni migratorie. Questi sarebbero buoni pretesti per iniziare, anche se ce ne sono altri altrettanto importanti in cui l’amministrazione di Joe Biden potrebbe mostrare un cambiamento di atteggiamento. Soprattutto quando ci sono crescenti richieste da parte della società civile statunitense, del Congresso e di altre istituzioni per una revisione della politica di Cuba.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: