Cuba ricorda la liberazione di Fidel Castro dalla prigione

Print Friendly, PDF & Email

I cubani ricordano oggi la liberazione dal carcere del leader storico della Rivoluzione, Fidel Castro (1926-2016), insieme ai suoi compagni d’armi, nel 66° anniversario di quell’evento.

Questo confinamento politico nella Prigione Modello ebbe il suo precedente nel processo per gli assalti alla Caserma Moncada a Santiago de Cuba, e Carlos Manuel de Céspedes, a Bayamo, che guidati da Fidel nel 1953 iniziarono la battaglia insurrezionale contro la dittatura di Fulgencio Batista (1952-1959).

Il rilascio dalla prigione nazionale per uomini dell’Isola dei Pini, conosciuta come la Prigione Modello, fu possibile grazie a un forte movimento pro-amnistia che prese forza in tutto il paese e divenne la più grande mobilitazione a favore di questa causa fino ad oggi.

Dopo il suo rilascio dal carcere, Fidel tenne una conferenza stampa all’Hotel Isla de Pinos, in via Martí a Nueva Gerona, e consegnò ai media il Manifesto al popolo cubano, in cui annunciava la continuità della lotta:

La nostra libertà non sarà di festa o di riposo, ma di lotta e di dovere, di lotta senza tregua dal primo giorno, di lavoro ardente per una patria senza dispotismo né miseria, il cui destino migliore niente e nessuno potrà cambiare.

Il paese si oppone formidabilmente contro coloro che lo maltrattano, una nuova fede sta emergendo, un insolito risveglio nella coscienza nazionale. Cercare di soffocarlo significa provocare una catastrofe senza precedenti i cui risultati disastrosi ricadranno sulle teste dei colpevoli.

Meno di due mesi dopo, Fidel Castro partì per il Messico dove preparò la spedizione dello yacht Granma che sbarcò nella parte orientale di Cuba per iniziare la guerriglia nella Sierra Maestra, che culminò con la vittoria delle forze ribelli il 1° gennaio 1959.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...