Cuba e i suoi 58 anni di medicina per il mondo

Print Friendly, PDF & Email

Cuba commemora oggi il 58° anniversario dell’inizio ufficiale della cooperazione medica con altri territori, un momento in cui ha esteso i suoi servizi a 1.988 milioni di persone, quasi un terzo della popolazione mondiale.

Anche se la solidarietà dell’isola risale al 1960, quando inviò una brigata in Cile per aiutare le vittime di un terremoto nella città meridionale di Valdivia, fu solo nel 1963 che L’Avana inviò professionisti permanenti.

In questo senso, la prima missione medica fu centrata in Algeria, un evento datato 23 maggio 1963. Come si legge in una pubblicazione sul sito web del Ministero degli Esteri cubano, dal trionfo della Rivoluzione il 1° gennaio 1959, l’isola ha mantenuto la cooperazione con le nazioni dei cinque continenti.

Nonostante le avversità e le campagne contro gli operatori sanitari, il contributo dell’isola è mantenuto e sviluppato, sostenuto da un sistema di istituzioni, norme, principi e valori, sottolinea il rapporto intitolato Cuba, 58 anni che salvano vite in tutto il mondo.

La solidarietà “nasce dal consenso dei cittadini” ed è favorita “dalla sinergia tra i principi della politica estera, della collaborazione internazionale e del sistema sanitario nazionale”, sottolinea il rapporto.

Secondo i dati del Ministero della Salute Pubblica condivisi lo scorso febbraio, in quasi sei decenni, 420.000 professionisti cubani, presenti in 150 paesi, hanno eseguito più di 14.500.000 interventi chirurgici, 4.470.000 nascite e salvato 8.700.000 vite.

Alla fine di quel mese, circa 30.407 lavoratori del settore fornivano assistenza in 66 paesi, distribuiti in brigate mediche permanenti e altri medici del contingente internazionale Henry Reeve specializzati in situazioni di disastri e gravi epidemie.

Finora, la nazione caraibica ha inviato circa 57 gruppi di Henry Reeve, per contribuire alla lotta contro la pandemia di Covid-19 in 40 stati e territori.

Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha scritto sul suo account Twitter: “Dove altri hanno portato soldati, bombe, distruzione e morte, le nostre brigate mediche portano attenzione, cura, medicina, salute“.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...