Annunciato un passo avanti nei negoziati sulle proteste in Colombia

Print Friendly, PDF & Email

Il governo colombiano e il Comitato Nazionale di Sciopero hanno raggiunto un pre-accordo sulle garanzie per l’esercizio della protesta, hanno detto oggi i rappresentanti del gruppo.

In un comunicato hanno spiegato che, dopo nove giorni di colloqui, hanno raggiunto un pre-accordo che fornisce un quadro generale per garantire le mobilitazioni, che permetterà l’inizio dei negoziati della lista di emergenza presentata dal Comitato.
Hanno detto che sperano di facilitare e sostenere i negoziati con altri settori mobilitati di giovani e cittadini.

“Speriamo che il governo approvi presto il pre-accordo e che possiamo formalizzarlo con la presenza del presidente della Repubblica, Iván Duque, per iniziare i negoziati”, hanno sottolineato.

Francisco Maltés Tello, presidente della Central Unitaria de Trabajadores, membro del Comitato Nazionale di Sciopero, ha chiesto che le proteste nel paese siano ravvivate domani, mercoledì e venerdì prossimo, un mese dopo l’inizio di questa misura di pressione.

Maltés Tello, uno dei portavoce del Comitato, ha detto che c’è una mobilitazione permanente in più di 700 comuni del paese.

Realizzeremo eventi culturali, eventi ricreativi, pentole e padelle di notte e questo martedì continueremo a sostenere il dibattito nel Congresso sulla mozione di censura contro il ministro della difesa, Diego Molano, per la sua responsabilità nella violenza della polizia contro il popolo, ha detto.

Il 28 aprile è iniziato uno sciopero nel paese contro una dannosa riforma fiscale che aumenterebbe l’imposta sul valore aggiunto su beni e servizi.

Anche se la proposta di legge è stata ritirata dal governo, le proteste di quel giorno sono diventate un’esplosione sociale contro il governo di Ivan Duque con una lista crescente di richieste.

In questo contesto, la polizia nazionale e il suo braccio d’élite, la Squadra Mobile Anti-sommossa, così come l’esercito hanno iniziato una forte repressione con un bilancio di più di duemila casi di violenza contro i manifestanti, in particolare, più di 50 morti.

Di fronte a questo scenario di violenza da parte delle forze di sicurezza, entrambe le camere del Congresso hanno presentato mozioni di censura contro il ministro della difesa, che ritengono responsabile di questi eventi.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

 

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: