Lula: Bolsonaro pagherà per le morti del Covid-19 in Brasile

Print Friendly, PDF & Email

L’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva ha assicurato, ieri, che il presidente Jair Bolsonaro pagherà per l’irresponsabilità e la negligenza in questa pandemia di Covid-19 che ha causato 454 mila 429 morti in Brasile fino a ieri.

Bolsonaro non sfuggirà alla colpa. Può non accadere ora, può accadere domani, ma è importante che il presidente si assuma la responsabilità di una parte molto importante delle persone che sono morte”, ha detto Lula durante un’intervista a TV Forum.

Ha aggiunto che l’ex militare “non li ha uccisi. Non li ha salvati perché era irresponsabile”.

Il fondatore del Partito dei Lavoratori ha denunciato che “una società che piange 450.000 morti non può vedere un presidente alla guida del Paese senza una parola, un gesto di cordoglio per il lutto di migliaia di famiglie nel suo paese”.

Citando la Commissione parlamentare d’inchiesta che valuta la gestione della pandemia da parte del governo, l’ex leader del lavoro ha osservato che Bolsonaro non può rimanere impunito per i crimini di responsabilità.

Sempre nell’intervista, Lula ha criticato la privatizzazione di Eletrobras, un’iniziativa approvata dalla Camera dei Deputati.

“Ho sognato che Eletrobras potesse avere lo stesso peso di Petrobras (compagnia petrolifera). È attraverso aziende pubbliche di queste dimensioni che abbiamo creato Luz para Todos (un programma istituito nel 2003 per fornire elettricità alle famiglie nelle zone rurali)”, ha affermato.

Mi chiedo: “Quale azienda privata porterebbe l’elettricità a quasi 20 milioni di famiglie? La privatizzazione non è ancora passata per il Senato, la società deve esigerla”, ha avvertito.

Se il progetto della compagnia elettrica sarà certificato al Senato, questa sarà la prima grande denazionalizzazione del governo di Bolsonaro.

Il provvedimento è stato consegnato al Parlamento personalmente dall’ex capitano dell’esercito il 23 febbraio come parte della sua ambiziosa agenda economica liberale.

Prima della sua approvazione nella camera bassa, Lula ha avvertito in quell’occasione che questa destatificazione avrebbe messo a rischio la sovranità e la sicurezza energetica del Brasile.

In un messaggio sul social network Twitter, l’ex leader sindacale ha detto che Bolsonaro venderà Eletrobras a “prezzi da banana” e “è un altro crimine contro il popolo brasiliano e il futuro del nostro paese”.

Ha insistito che denazionalizzare Eletrobras “è consegnare su un piatto un patrimonio inestimabile”.

Il modello di privatizzazione prevede l’emissione di nuove azioni da vendere sul mercato senza la partecipazione della società, il che significa la perdita del controllo degli azionisti con diritto di voto che l’Unione ha attualmente.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...