Perù, Castillo vuole espellere USAID e chiudere le basi USA entro i primi cento giorni di governo

Print Friendly, PDF & Email

Se come indicano i sondaggi il maestro comunista Pedro Castillo avrà la meglio al ballottaggio sulla neoliberista Keiko Fujimori, figlia del dittatore Alberto, il Perù si incamminerà su un percorso segnato dal recuperò della sovranità perduta da Lima.

Pedro Castillo ha intenzione di espellere le forze armate statunitensi e la DEA se eletto presidente del Perù.

Le intenzioni del candidato socialista sono state esplicitate dal parlamentare eletto Guillermo Bermejo, del partito Perù Libre di Pedro Castillo.

Guillermo Bermejo, un socialista che è stato eletto al Congresso nelle elezioni tenute l’11 aprile grande sostenitore dell’espulsione dell’agenzia statunitense USAID dal Perù, ha dettagliato una situazione in cui il paese è caratterizzato da istituzioni deboli, e classe politica disprezzata dalla popolazione.

Bermejo ha affermato che mentre il paese distribuisce cocaina al mondo, i media mainstream peruviani hanno lavorato con la classe politica del paese per occutare la questione, come riferisce Kawsachun News: “Il Perù è il secondo produttore di cocaina al mondo, ma non è mai stata vista sui canali televisivi, nessuno ne parla e la domanda è: perché? In Perù non ci sono cartelli della droga?”.

“In Perù, la produzione è passata da 250 tonnellate di cocaina a 750 tonnellate di cocaina in meno di sei anni, e ne sequestriamo solo, in media, il 3% all’anno. Dimmi (dice rivolto alla giornalista che lo sta intervistando) non abbiamo cartelli? Chi sta permettendo il passaggio di questi piccoli aerei?”.

“I media hanno mai esaminato i risultati della lotta contro il traffico di droga in questo paese? Perché questo non è un problema affrontato in campagna elettorale se siamo il secondo produttore di cocaina nel mondo, se qui non hanno sequestrato nemmeno un piccolo aereo”.

Ma cosa farebbe un governo guidato da Pedro Castillo? La risposta del deputato socialista è chiara: “In primo luogo, eliminare l’intervento straniero dal Perù. Il Congresso, tutti, dalla dittatura fino ad oggi, consente l’ingresso di centinaia di soldati statunitensi e consiglieri militari statunitensi ogni anno che attraversano tutte le caserme del paese. Insegnando loro le tecniche, in teoria, di repressione contro la popolazione. E questo avviene [d’accordo con] il Presidente ed è stato così con tutti i Presidenti, nessuno escluso (..) tutti hanno chiesto che le persone che rappresentano l’esercito più sanguinario e crudele nella storia dell’umanità [vengano in Perù], dopo che hanno massacrato più di sette milioni di persone in Medio Oriente. Li assistiamo, li facciamo entrare a casa nostra e li ospitiamo nelle nostre caserme”.

“Espelleresti la DEA?”.

“Ovviamente. La DEA è il principale cartello della droga al mondo e qualsiasi analista serio sul traffico di droga te lo dirà”, risponde senza esitazioni Bermejo.

Il candidato di Perù Libre, Pedro Castillo, nel suo programma afferma di voler abbandonare il ‘Cartello di Lima’ (Gruppo di Lima), espellere l’USAID e chiudere le basi militari statunitensi entro i primi 100 giorni di governo. Altre proposte includono nazionalizzazioni, un’Assemblea Costituente e l’acquisto di vaccini contro anti-Covid cubani e russi.

Fonte

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: