Che tipo di “pensieri” sta finanziando l’USAID a Cuba?

Print Friendly, PDF & Email

Samantha Power, la direttrice dell’Agenzia degli Stati Uniti per l’Aiuto Internazionale (USAID), un’istituzione che è tra le principali fonti di finanziamento della sovversione a Cuba, ha invitato il governo cubano a rispettare i diritti del rapper Maykel “Osorbo” Castillo, che è in una prigione di Pinar del Río in attesa di processo.

“È incoraggiante sentire del rilascio di Luis Manuel Otero Alcántara, ma il governo cubano continua a imprigionare Maykel Castillo e molti altri artisti che osano rivendicare i diritti umani. Devono porre fine a questo tentativo fallito di mettere a tacere il libero pensiero e il dibattito”, ha detto su Twitter.

Confermata nel suo incarico dal Senato a fine aprile, la giornalista, accademica ed ex ambasciatrice alle Nazioni Unite sembra non aver ancora compreso completamente la questione cubana.

A quali “pensieri” si riferisce la direttora dell’USAID?

Chiedere a gran voce, attraverso le reti sociali, invasioni militari statunitensi per radere al suolo l’isola o chiedere dolci per gli stessi bambini cubani che muoiono di cancro e altre malattie a causa della mancanza di medicinali causata dal blocco statunitense dell’isola?

Secondo i siti web controrivoluzionari – alcuni dei quali finanziati anche da USAID – le infelici dichiarazioni di Power potrebbero essere motivate dalla pressione dei legislatori anticubani negli Stati Uniti, che non gli perdonano di aver lodato le missioni mediche cubane inviate per combattere l’ebola in Africa nel 2016, quando era rappresentante degli Stati Uniti alle Nazioni Unite.

In caso contrario, l’attuale direttrice di USAID dovrebbe informarsi meglio su che tipo di “pensieri” verranno spesi i 20 milioni di dollari che l’amministrazione di Joe Biden ha concesso all’entità che dirige, per finanziare la sovversione a Cuba durante l’anno fiscale 2022.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mario Franzil ha detto:

    Questa direttrice dell’Usato dovrebbe andare dallo psichiatra per farsi curare dalle frustrazioni di cui soffre per non riuscire a piegare Cuba alle pressioni politiche ed economiche del suo governo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: