Fernando González Llort, eroe cubano e presidente dell’ICAP

Print Friendly, PDF & Email

Fernando González Llort, eroe cubano e presidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP): “Le lettere che ho ricevuto in prigione mi hanno insegnato l’umiltà.

Fernando González Llort, uno dei cinque eroi cubani, ha passato più di 15 anni in prigione USA.

Oggi presidente dell’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli, non ha perso la fiducia nella solidarietà del popolo ed è sicuro che quando il blocco dell’isola sarà finito, la vittoria sarà di tutti gli amici di Cuba. Perché la rivoluzione cubana non può essere compresa senza l’aspetto della solidarietà? Guardatelo nell’”Intervista” di RT.

Gran parte della solidarietà ricevuta e apportata da Cuba negli ultimi decenni è stata trasmessa attraverso l’Istituto Cubano di Amicizia con i Popoli (ICAP), che da quattro anni è presieduto dall’eroe della Repubblica di Cuba Fernando González Llort.

“Per me è stata una grande responsabilità che mi sia stata data la possibilità di contribuire al lavoro e alla società al mio ritorno e che il mio contributo sia stato proprio attraverso l’Istituto cubano di amicizia con i popoli”, dice González, che è stato uno dei cinque prigionieri cubani condannati negli Stati Uniti per spionaggio nel 2001, dopo il suo arresto nel 1998.

È stato rilasciato nel 2014, dopo negoziati tra Cuba e gli Stati Uniti promossi dall’allora presidente Barack Obama, quando aveva praticamente scontato la pena di 16 anni che gli era stata inflitta. “Quando sono tornato e mi sono unito al lavoro, avevamo ancora tre compagni in prigione: Gerardo, Ramón e Antonio”, dice a proposito di come l’Istituto ha affrontato il lavoro di solidarietà con i tre prigionieri, che sarebbero stati rilasciati nel dicembre 2017.

“La base della solidarietà con Cuba sono persone di tutte le parti del mondo con un modo di pensare normalmente rivoluzionario, di sinistra e progressista”.

Gonzalez ritiene che il caso dei cinque “è stata una lotta di tutta la società, di molte istituzioni, non solo dell’ICAP”. “Quando eravamo prigionieri sapevamo che la campagna per la liberazione dei cinque stava crescendo, sapevamo che il nostro paese ci difendeva e che nel mondo sempre più amici si univano a quella lotta”, dice di quel periodo.

1600 associazioni di amicizia con Cuba in 150 paesi

González stima che l’ICAP ha attualmente legami con 1.600 associazioni di amicizia con Cuba in 150 paesi, ma crede che “la solidarietà con Cuba va ben oltre questo numero”, e che ci sono anche organizzazioni sindacali, organizzazioni politiche, movimenti sociali, organizzazioni femministe o di donne che sostengono l’isola.

Il presidente dell’ICAP sostiene che la base della solidarietà con il suo paese sono persone “di tutto il mondo con un modo di pensare normalmente rivoluzionario, di sinistra, progressista”.

“Nel movimento di solidarietà con Cuba c’è spazio per tutti coloro che capiscono che Cuba ha il diritto di essere un paese sovrano e indipendente, e di prendere le proprie decisioni, e che il governo degli Stati Uniti non ha il diritto di cercare di soffocarci economicamente, o di attaccarci, o di essere ostile nei nostri confronti per essere semplicemente padroni del nostro destino”, afferma l’intervistato.

Cultura della solidarietà nella rivoluzione cubana

González Llort ritiene che “la rivoluzione cubana non può essere compresa senza l’aspetto della solidarietà, quella smania di contribuire”, perché “Cuba non ha mai visto nel suo sforzo libertario qualcosa solo verso l’interno, ma un modo per contribuire ad altre regioni del mondo”.

“Nel movimento di solidarietà con Cuba c’è spazio per tutti coloro che capiscono che Cuba ha il diritto di essere un paese sovrano e indipendente, e di prendere le proprie decisioni”.

Difende che nelle origini della loro identità di cubani c’è sempre stata la visione che ciò che hanno raggiunto con le loro lotte può contribuire non solo al proprio sviluppo, ma anche a quello di altri popoli del mondo: “Questo si riflette nel restituire la solidarietà verso Cuba”, osserva.

Interesse per la rivoluzione cubana

González ritiene che la solidarietà con Cuba “cominciò ad essere espressa anche prima del trionfo della rivoluzione”, quando altri paesi latinoamericani e il mondo cominciarono a sentire parlare della lotta nella Sierra Maestra.

“Cuba è una rivoluzione molto radicale in quei contesti in quel continente: la più radicale”, dice Gonzalez, che crede sia la ragione per cui ha risvegliato “un interesse molto naturale tra persone che erano sempre state bersaglio di oppressione, abbandono e ingiustizia”.

“Nonostante tante campagne di diffamazione e disinformazione su Cuba, la gente ha un istinto e ha visto e vede nella rivoluzione cubana qualcosa di positivo”, spiega, e lo sostiene in quanto i visitatori osservano un modo di relazionarsi “cooperativo, solidale, umano, invece di essere concorrenti gli uni degli altri”.

Dare e ricevere solidarietà

Il presidente dell’ICAP, inoltre, sostiene che “Cuba ha contribuito molto ai processi d’indipendenza dei paesi africani, con l’appoggio di medici, educatori e tutte le specialità”. “Questo viene ripagato con la solidarietà e l’amore per Cuba”, dice.

In questo senso, racconta come meditava in prigione quando riceveva lettere di sostegno da persone che non conosceva: “Queste persone che non mi conoscono nemmeno personalmente, devono lottare per la loro vita, per ottenere i mezzi di sussistenza per se stessi e le loro famiglie, partecipano a molte lotte e trovano il tempo di sedersi per quarantacinque minuti per scrivere a una persona che non conoscono, che è in una prigione in un altro paese. Allora si è pieni di umiltà”, riflette.

González afferma anche di essere “privilegiato” perché lavora “con esseri umani straordinari”: “Coloro che sono legati alla solidarietà con Cuba, in qualsiasi modo, sono di straordinario valore, di enorme sensibilità, e noi siamo profondamente grati come istituto e come popolo di Cuba.

La lotta contro il blocco come priorità

Il presidente dell’ICAP afferma che la lotta contro il blocco economico statunitense è sempre stata una priorità del movimento di solidarietà con Cuba, anche se durante l’imprigionamento dei cinque “la lotta per la loro liberazione è diventata fondamentale”.

“Quando metteremo fine al blocco, la vittoria sarà anche di tutti gli amici di Cuba”.

Dopo il ritorno dei cinque sull’isola, “l’ostilità verso il nostro paese è aumentata”, dice González, che aggiunge che lo ha fatto “soprattutto negli ultimi due anni dell’amministrazione Trump, con le misure 242 ancora in vigore, e lo sforzo straordinario di questa amministrazione per soffocare l’economia di Cuba”.

“Quando metteremo fine al blocco, la vittoria sarà anche di tutti gli amici di Cuba”, conclude.

Per conoscere tutti i dettagli del lavoro svolto dall’ICAP e le riflessioni di uno dei cinque prigionieri cubani, vi invitiamo a guardare l’intervista completa in lingua originale.

Fonte: Cubainformacion

Traduzione: cubainformazione.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: