Il blocco, il maggior ostacolo per Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Attraverso il suo account ufficiale di Twitter, il presidente ha scritto che come risultato di questa politica extraterritoriale, le banche cubane hanno dovuto sospendere temporaneamente l’accettazione di depositi in contanti di dollari statunitensi.

Il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha ratificato oggi che il blocco economico, commerciale e finanziario imposto dal governo degli Stati Uniti è la causa dei maggiori problemi della nazione.

Attraverso il suo account ufficiale di Twitter, il presidente ha scritto che come risultato di questa politica extraterritoriale, le banche cubane hanno dovuto sospendere temporaneamente l’accettazione di depositi in contanti di dollari statunitensi.

“La Banca Centrale sospende temporaneamente l’accettazione di depositi in contanti di dollari statunitensi a causa della brutale persecuzione finanziaria del blocco. Ecco di nuovo la causa principale dei nostri maggiori problemi. #EliminateTheBlockade”, ha scritto il capo di stato.

La misura, che entrerà in vigore dal 21 giugno 2021, è stata annunciata giovedì nel programma Mesa Redonda da dirigenti della Banca Centrale di Cuba (BCC).

Una nota ufficiale di questa agenzia sottolinea che questa disposizione ha la sua causa negli ostacoli imposti dal blocco affinché il sistema bancario nazionale possa depositare all’estero il contante in dollari che viene raccolto nel paese.

Di conseguenza, a partire dalla suddetta data, le istituzioni bancarie e finanziarie cubane smetteranno temporaneamente di accettare depositi in valuta statunitense in contanti, il che implica che le persone fisiche e giuridiche, sia cubane che straniere, non potranno effettuare alcun deposito in dollari statunitensi in contanti.

La BCC chiarisce che, tuttavia, i trasferimenti e i depositi in altre valute liberamente convertibili sono mantenuti, e i conti esistenti in valuta statunitense rimangono inalterati.

Il ministro-presidente della BCC, Marta Sabina Wilson González, ha spiegato che il blocco ha avuto un forte effetto sul sistema finanziario, e le banche cubane hanno perso la controparte delle banche straniere per la maggior parte delle funzioni o operazioni.

Ha segnalato che tra le misure prese dal governo degli Stati Uniti che hanno colpito maggiormente le entità finanziarie cubane – quelle che hanno posto Fincimex, AIS e la Banca Finanziaria Internazionale come istituzioni limitate all’estero – oltre a impedire alle persone fisiche e giuridiche degli Stati Uniti di effettuare rimesse da e verso l’isola.

In questo modo, il denaro cominciò ad entrare a Cuba attraverso i viaggiatori e in contanti, così che attualmente gli istituti bancari hanno una parte di quel denaro raccolto, senza poterlo mettere in altre banche all’estero.

Pertanto, ha spiegato, è impossibile effettuare operazioni commerciali per l’acquisizione di beni come il carburante, il cibo e le medicine.

Carlos Fernández de Cossío, direttore generale responsabile degli Stati Uniti presso il Ministero degli Affari Esteri cubano (MINREX), ha detto che questa misura cubana è una difesa legittima, e una conseguenza dell’impatto del blocco, che per più di 60 anni ha cercato di soffocare la vita dei cubani e lo sviluppo del paese.

Fonte

Fonte originale: PCC

Potrebbero interessarti anche...