Cuba sostiene a Ginevra la cooperazione per affrontare le pandemie

Print Friendly, PDF & Email

Il rappresentante permanente di Cuba alle Nazioni Unite a Ginevra, Juan Antonio Quintanilla, ha chiesto oggi al Consiglio dei Diritti Umani di dare priorità alla cooperazione e alla solidarietà come risposte fondamentali della comunità internazionale per affrontare le pandemie.

“Riaffermiamo che la cooperazione e la solidarietà non saranno mai parole vuote per Cuba, ma la via per affrontare con successo le complesse sfide che la specie umana ha davanti a sé”, ha sottolineato intervenendo in un dialogo interattivo sulla risposta dello Stato alle pandemie, nel quadro della 47ª sessione del Consiglio.

L’ambasciatore ha ribadito qui l’impegno dell’isola in questa visione e, in questo senso, ha evidenziato l’appoggio fornito da Cuba a decine di paesi nel contesto del Covid-19, in cui ha inviato brigate mediche per aiutare a combatterlo.

Quintanilla si è rammaricato nella sua presentazione che il rapporto discusso all’evento non abbia affrontato in modo approfondito l’impatto delle misure coercitive unilaterali criminali e ingiustificate imposte in tempi di crisi sanitaria, in particolare quella attuale.

Nel nostro caso, il blocco statunitense, intensificato a livelli estremi, ha richiesto a Cuba sforzi maggiori di qualsiasi altra nazione per contenere gli effetti della pandemia, ha denunciato.

L’amministrazione di Donald Trump ha stretto l’assedio economico, commerciale e finanziario contro l’isola con 243 misure, 55 delle quali decretate in pieno impatto di Covid-19, azioni tutte mantenute dal suo successore alla Casa Bianca, Joe Biden.

Secondo il diplomatico, nonostante il rafforzamento del blocco di Washington, Cuba ha garantito con il suo sistema sanitario, universale e gratuito a tutti i livelli, la risposta alla pandemia, basata su un piano che ha permesso il recupero del 94% delle persone infettate.

Inoltre, abbiamo sviluppato cinque candidati vaccini, due dei quali sono in una fase avanzata dei test clinici, che permetteranno al 70% della popolazione di essere immunizzata prima della prossima sessione del Consiglio dei diritti umani a settembre, ha detto.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: