Stati Uniti isolati davanti al mondo con il blocco di Cuba

Print Friendly, PDF & Email

L’appoggio mondiale contro la politica di blocco imposta a Cuba dal governo degli Stati Uniti conferma oggi l’isolamento di Washington nel suo insistente assedio contro l’isola.

Con 184 voti a favore, due contrari (Stati Uniti e Israele) e tre astensioni (Brasile, Colombia e Ucraina), la risoluzione presentata dalla delegazione dei Caraibi alle Nazioni Unite ha ricevuto un’approvazione quasi unanime contro la persecuzione commerciale, finanziaria ed economica della Casa Bianca.

Dopo aver appreso questi risultati, il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha descritto il voto nella sede dell’organizzazione multilaterale come una vittoria clamorosa.

Diaz-Canel ha ringraziato il sostegno mondiale e ha denunciato che il “cinico, bugiardo e calunnioso discorso imperiale” della nazione nordamericana è immorale, spudorato e obsoleto come il criminale blocco.

“Gli Stati Uniti sono isolati, non hanno il diritto di sanzionare. I nostri ringraziamenti ai popoli e ai governi che ci sostengono”, ha scritto sul suo account Twitter.

Più di 15 nazioni e organizzazioni internazionali come il Movimento dei Non Allineati, il Gruppo dei 77 più la Cina e la Comunità dei Caraibi hanno denunciato il danno causato da questo meccanismo e ne hanno chiesto la fine.

Nel frattempo, diplomatici e rappresentanti di alto livello di diverse nazioni hanno condannato l’aumento delle politiche ostili e delle misure coercitive unilaterali nel contesto della pandemia Covid-19.

Nella sua presentazione del documento, il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez ha detto che da aprile 2019 a dicembre 2020, l’assedio ha causato perdite di novemila 157 milioni di dollari.

In quasi sei decenni di applicazione, i danni ammontano a 147 mila 853 milioni di dollari, tuttavia, i danni umani, le sofferenze e le carenze causate alle famiglie cubane sono incalcolabili, ha sottolineato.

“Non è né legale né etico che il governo di una potenza sottoponga una piccola nazione, per decenni, a una guerra economica incessante per imporre un sistema politico straniero e un governo progettato da esso”, ha detto.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: