Cuba condanna le liste unilaterali stilate da Washington all’ONU

Print Friendly, PDF & Email

Cuba ha condannato oggi davanti all’ONU gli atti unilaterali di alcuni governi, come gli Stati Uniti, che si abrogano il diritto di fare liste di paesi che si suppone siano sponsor del terrorismo come mezzo di coercizione politica.

Tali azioni minano l’autorità centrale dell’Assemblea Generale nella lotta contro il terrorismo e ostacolano la cooperazione internazionale in questo settore, ha detto l’ambasciatore cubano Pedro Luis Pedroso.

Parlando alla seconda conferenza di alto livello delle Nazioni Unite dei capi delle agenzie antiterrorismo degli stati membri, il diplomatico ha respinto di nuovo l’inclusione di Cuba nella lista unilaterale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti delle nazioni che presumibilmente sponsorizzano tali azioni.

Questa designazione è un atto calunnioso, ipocrita e opportunistico”, ha detto e ha ricordato come il suo paese è stato vittima di azioni terroristiche perpetrate dagli Stati Uniti, che sono costate la vita a 3.478 persone e hanno reso disabili 2.999 cittadini cubani.

Secondo Pedroso, è demagogico che il governo degli Stati Uniti si rifiuti di classificare come terrorista l’attacco armato perpetrato contro l’ambasciata cubana a Washington il 30 aprile 2020.

Non rispetta quindi la “Convenzione sulla prevenzione e la punizione dei crimini contro le persone internazionalmente protette, compresi gli agenti diplomatici”, di cui è parte, ha sottolineato l’ambasciatore.

Ha anche espresso preoccupazione per l’uso improprio delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione per commettere, incitare, reclutare, finanziare o pianificare atti terroristici, in violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

Il terrorismo non può essere legato a nessuna religione, nazionalità, civiltà o gruppo etnico, e il suo confronto deve essere globale, con azioni dirette che includono la prevenzione per sradicare le sue cause profonde, ha sottolineato Pedroso.

Cuba ha ribadito il suo appoggio ai meccanismi stabiliti dalle Nazioni Unite nella lotta contro il terrorismo e ha riaffermato che rifiuta questo flagello in tutte le sue manifestazioni, comprese quelle in cui gli Stati sono direttamente o indirettamente coinvolti.

Il mio paese ha una performance esemplare nella lotta contro il terrorismo, onora gli impegni presi in questo campo, è uno Stato parte delle 19 convenzioni internazionali su questo tema e ha messo in atto misure per affrontare questo flagello, ha detto.

L’impegno dell’isola per combattere questo male è stato elevato al rango costituzionale nel 2019, ha evidenziato il rappresentante permanente di Cuba alle Nazioni Unite.

Secondo l’ambasciatore, il capo della delegazione non ha potuto accedere dall’Avana alla piattaforma Interprefy, utilizzata nell’evento delle Nazioni Unite, perché gli indirizzi IP cubani hanno limitato l’accesso a tale applicazione a causa del blocco illegale imposto dagli Stati Uniti, condannato dalla stragrande maggioranza della comunità internazionale la scorsa settimana.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...