Biden insiste sullo studio della politica verso Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Annunciando che studierà il divieto di inviare rimesse a Cuba, Joe Biden continua la sua lunga revisione della politica verso l’isola, sei mesi dopo essere diventato presidente degli Stati Uniti.

Secondo il presidente, lunedì ha ordinato al Dipartimento di Stato di creare un gruppo di lavoro per rivedere la politica delle rimesse, un cambiamento di posizione rispetto alle sue dichiarazioni del 16 luglio, anche se nulla di concreto riguardo alla prevista eliminazione di questa e altre misure ereditate dal suo predecessore, Donald Trump.

Biden ha inizialmente negato categoricamente che avrebbe ripristinato il trasferimento di denaro e ora dice che affronterà la questione, una delle richieste di molti cubano-americani che criticano il comportamento del democratico e chiedono l’eliminazione del blocco statunitense della più grande delle Antille.

Bisognerebbe vedere le condizioni in cui intendono mettere in pratica tutto questo, perché un funzionario dell’esecutivo ha commentato ai media locali che “sarà individuato il modo più efficace per far arrivare le rimesse direttamente al popolo cubano”.

La settimana scorsa il leader democratico ha offerto solo di cercare modi per fornire ai cubani l’internet senza misurare quanta interferenza ci fosse nelle sue parole, hanno commentato gli osservatori.

Parlando dopo i disordini dell’11 luglio a Cuba, l’occupante dello Studio Ovale ha omesso l’impatto di oltre sei decenni di blocco, che è la causa principale delle difficoltà economiche che sta attraversando il popolo.

Oltre alle rimesse, Biden ha proposto che un altro gruppo riveda il possibile aumento del personale della sua ambasciata nella capitale cubana, la cui drastica riduzione Trump ha annunciato nel 2017.

Una delegazione bicamerale del Congresso degli Stati Uniti che ha visitato l’Avana in quel periodo ha detto che la partenza del personale diplomatico fu un errore che ha colpito le persone su entrambi i lati dello stretto della Florida.

Allo stesso tempo, hanno avvertito che le aree di collaborazione stabilite tra le due parti dal 17 dicembre 2014 erano a rischio, cosa che Trump ha poi ridotto al minimo durante il suo mandato.

Un rapporto segreto del Dipartimento di Stato declassificato a febbraio suggeriva che la decisione di smantellare l’ambasciata in reazione ai presunti “attacchi sonici” era una “risposta” politica afflitta da cattiva gestione, mancanza di coordinamento e fallimenti procedurali.

Sia le rimesse che la riapertura dei servizi consolari all’Avana si aggiungono alla richiesta di ripristinare il piano di riunificazione familiare, il ritorno dei voli verso tutte le province cubane e la libertà di viaggio per i cittadini statunitensi.

Queste richieste sono rese visibili dal progetto Puentes de Amor, i cui membri stanno manifestando con una camminata di duemila chilometri da Miami, in Florida, fino a questa capitale, per chiedere che Biden mantenga la sua promessa elettorale e rimuova le sanzioni alla famiglia cubana.

Carlos Lazo, attivista e coordinatore dell’iniziativa ha criticato l’inerzia di Biden in questi mesi di mandato e ha ritenuto che le sue recenti dichiarazioni siano più di quello che già sanno: la Casa Bianca sta studiando le politiche verso Cuba.

Il consigliere anziano di Biden, Cedric Richmond, e Juan González, un alto funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, si sono incontrati il giorno prima con “i leader cubano-americani per ascoltare le loro raccomandazioni”, secondo il palazzo dell’esecutivo.

In un’intervista del 2020 a Prensa Latina, l’avvocato José Pertierra ha detto che Trump ha messo il filo della politica verso l’isola nelle mani dei legislatori cubano-americani più conservatori di Miami.

A quanto pare, questo è lo stesso segnale che Biden sta inviando.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco Rognoni ha detto:

    È davvero una grande delusione Biden, speravo davvero in una posizione più democratica, invece si destreggia fra una strizzata di occhio ai mafiosi Cubani di Miami, y REPUBBLICANI filo Trumpiani e fingendosi persino democratico… che vergogna…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: