Attacco terroristico all’ambasciata cubana in Francia: tre molotov lanciate

Print Friendly, PDF & Email

Verso le 23:45 di lunedì 26 luglio, un attacco terroristico è stato lanciato contro l’ambasciata cubana in Francia. Tre bombe Molotov sono state lanciate contro i locali, due hanno raggiunto il perimetro esterno dell’ambasciata e una non è entrata.

Di conseguenza, è scoppiato un incendio che è stato spento dal personale della missione diplomatica. La polizia e i vigili del fuoco. Polizia e vigili del fuoco sono accorsi sul posto, secondo quanto riferito dall’ambasciata cubana con sede a Parigi.

Il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodríguez ha denunciato l’atto terroristico e ha incolpato il governo degli Stati Uniti per l’incidente.

Il ministro degli Esteri ha descritto l’attacco alla sede diplomatica come un atto terroristico e ha detto sul suo account Twitter che Washington è responsabile di questi eventi, a causa delle sue continue campagne contro la nazione caraibica, che incoraggiano tali comportamenti.

Rodríguez ha anche fatto riferimento ai continui appelli alla violenza che, con totale impunità, vengono fatti dal territorio degli Stati Uniti.

Lunedì, il capo della diplomazia cubana ha anche negato le notizie di presunti scoppi popolari sull’isola, che sono stati diffusi sulle reti sociali.

“Cuba è nella calma totale”, ha sottolineato il ministro, aggiungendo che è falso che ci siano disordini, come si sta mentendo ora con la complicità delle transnazionali e delle piattaforme digitali, che violano le loro regole comunitarie e diffondono messaggi di odio e menzogna.

I lavoratori dell’ambasciata cubana a Parigi riaffermano l’impegno con la Rivoluzione

Nelle prime ore del 27 luglio, dopo che la sede diplomatica cubana in questo paese europeo ha subito questo attentato, e ancora con l’effervescenza del Giorno della Ribellione Nazionale, il gruppo di lavoratori dell’Ambasciata della Grande Antille in Francia ha riaffermato il suo impegno con la Rivoluzione e il socialismo, sotto l’esempio di Fidel, Raúl e della Generazione del Centenario.

Numerose personalità, istituzioni e il popolo hanno condannato l’uso del terrorismo per installare paura, odio e terrore, e per minacciare il progetto socio-politico della nazione caraibica.

La Francia indaga sull’attacco all’ambasciata cubana a Parigi

La Francia ha annunciato martedì un’inchiesta sull’attacco con molotov all’ambasciata cubana a Parigi, che il ministero degli esteri ha condannato sul suo sito web.

La Francia condanna l’attacco che ha preso di mira l’ambasciata cubana a Parigi nella notte tra lunedì 26 e martedì 27 luglio, ha detto l’agenzia in un comunicato.

La Francia condanna l’attacco che ha preso di mira l’ambasciata cubana a Parigi nella notte tra lunedì 26 e martedì 27 luglio, ha detto l’agenzia in un comunicato.

Ha anche dichiarato di aver aperto un’inchiesta giudiziaria per determinare i responsabili dell’atto, che ha causato alcuni danni materiali ma nessuna vittima tra il personale diplomatico della nazione caraibica.

Nella sua nota, il ministero degli Esteri francese ha annunciato un rafforzamento del dispositivo di sicurezza intorno alla sede, che era stata attaccata il giorno prima da due individui non identificati con tre bombe Molotov (due delle quali hanno colpito la facciata e l’ingresso dell’edificio).

La missione diplomatica cubana ha segnalato l’incidente all’inizio della giornata e ha indicato gli Stati Uniti come responsabili dell’incidente, data la loro campagna di incitamento alla violenza.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...